‘Una mano per te servizi’, ecco come tre cinquantenni hanno reagito alla disoccupazione

‘Una mano per te servizi’, ecco come tre cinquantenni hanno reagito alla disoccupazione

Cosa fai quando a cinquant'anni ti ritrovi, da un giorno all'altro, senza lavoro? Fai squadra, osservi con più attenzione il mondo che ti gira intorno e tiri fuori un'idea nuova da mettere al servizio degli altri. Da questo humus nasce 'Una mano per te servizi'.

ADimensione Font+- Stampa

Cosa fai quando a cinquant’anni ti ritrovi, da un giorno all’altro, senza lavoro? Fai squadra, osservi con più attenzione il mondo che ti gira intorno e tiri fuori un’idea nuova da mettere al servizio degli altri. Dopotutto il lavoro è svolgimento di funzioni, o qualcosa del genere.

Da questo humus nasce ‘Una mano per te servizi’. Storia di vita, di idee e di futuro. Partendo dalla cosa più antica: mettersi a disposizione. Così è nata una vera e propria multiservizi, che seleziona, coordina e mette in rete professionisti di diversi ambiti e si interfaccia con i clienti con l’intento di cucire una soluzione su misura per dare risposte ai bisogni di ognuno.

Nel ruolo dei “sarti” tre amici: Giorgio Allegrini, Rita Taratufolo e Claudia Manuguerra. Sono loro gli splendidi cinquantenni che attraversando l’esperienza della disoccupazione sono riusciti a coltivare speranza, ambizioni, sogno. Un anno di lavoro per strutturare il tutto e oggi si trovano all’interno di una sede nuova di zecca in via Pacinotti, civico 21 (zona tribunale). In questi mesi hanno tenuto colloqui e verificato più di duecento professionisti e lavoratori. Così hanno messo in piedi i vari snodi della rete toccata dalla multiservizi.

Si va da interventi direttamente a casa, per i quali la società è in grado di garantire massima competenza e serietà, ai servizi di ritiro e consegna a interventi di servizio che vengono svolti direttamente nella sede della srl. Per dare un’idea più dettagliata ‘Una mano per te servizi Viterbo’ offre babysitter, homesitting, dogsitter e catsitter, assistenza familiare e infermieristica, accompagnamento per commissioni varie e figli a scuola/sport. Consegna pasti a pranzo e cena da ristoranti convenzionati, consegna spesa da negozi e supermercati, prenota visite mediche e accertamenti diagnostici, consegna ricette mediche e medicinali, organizza anche itinerari di viaggio.

Tra i servizi “in door” anche pulizia di appartamenti, uffici e parti condominiali, pulizie di fine lavori post ristrutturazione, lavori edili, elettrici, idraulici e giardinaggio, sos computer, telefono e tv.

Ma la gamma non è ancora esaurita. Comprende anche pagamento bollettini e disbrigo pratiche presso uffici ed enti, spedizione e consegna documenti, plichi, lettere, pacchi e regali, lavanderia e stireria, autolavaggio e revisione e tagliano autovetture. Poi c’è tutta la parte di servizi di Caf Patronato, consulenza e assistenza sindacale, dichiarazione dei redditi, pratiche pensione, invalidità. Disoccupazione, avvocato e mediatore civile. Mette a disposizione anche ingegneri, architetti, periti agrari e geologi. Un vero e proprio network che ha come raggio d’azione il capoluogo ma anche l’intera Tuscia.

Un sistema piuttosto articolato e complesso cucito in circa un anno di lavoro, giorno dopo giorno. Così uno dei periodi più bui per la vita dei tre cinquantenni ha germogliato un fiore di speranza, capace non solo di rimettere loro sul mercato del lavoro ma anche di raccogliere lavoro per altri. “E’ una grande sfida la nostra, che confidiamo di vincere. Piangersi addosso non avrebbe avuto senso e così abbiamo deciso di mettere in piedi a Viterbo un qualcosa che in altre parti d’Europa esiste e funziona già da anni”, raccontano. Entro fine maggio l’inaugurazione e l’inizio di una nuova storia che ha tanto da insegnare a chi pensa di risolvere i propri problemi confidando nel “santo in paradiso” di turno.