Una donna per la presidenza di Palazzo Gentili: spunta anche l’ipotesi Laura Allegrini

Una donna per la presidenza di Palazzo Gentili: spunta anche l’ipotesi Laura Allegrini

Laura Allegrini potrebbe essere il candidato su cui può convergere l’alleanza della destra post berlusconiana per Palazzo Gentili. L’ex senatrice potrebbe essere candidata come consigliere provinciale uscente. Uno status che solo per la prima elezione delle nuove province garantisce la possibilità di essere eletto sia come consigliere che come presidente.

ADimensione Font+- Stampa

Una donna per il centrodestra. Laura Allegrini potrebbe essere il candidato su cui può convergere l’alleanza della destra post berlusconiana per Palazzo Gentili. L’ex senatrice potrebbe essere candidata come consigliere provinciale uscente. Uno status che solo per la prima elezione delle nuove province garantisce la possibilità di essere eletto sia come consigliere che come presidente. Sarebbe un segnale anche perché arriverebbe da una parte politica che vanta poche donne di spicco.

Durante questa settimana ci sarà una ulteriore riunione da parte delle forze politiche della destra locale per arrivare alla definizione della candidatura a presidente e all’individuazione per la composizione delle lista di candidati per il Consiglio. C’è tempo fino ai primi di aprile per consegnare tutti i nomi. A fianco del suo nome anche quelli del sindaco di Montalto di Castro Caci, di Grotte di Castro Camilli, di Bolsena Equitani, di Tuscania Bartolacci e Scarnati di Fabrica di Roma.

Nel centrosinistra invece il candidato potrebbe essere il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola (leggi qui). Quanto a Unione della Tuscia non parteciperà al voto (qui), così come il Movimento 5 Stelle.