Un palloncino lanciato in cielo per la pace, l’invito di don Mario Brizi

Un palloncino lanciato in cielo per la pace, l’invito di don Mario Brizi

Don Mario Brizi, parroco di Santa Maria Nuova, scrive alla redazione de La Fune per raccontare un'idea di pace e invita tutti i viterbesi a prenderne parte.

ADimensione Font+- Stampa

Don Mario Brizi, parroco di Santa Maria Nuova, scrive alla redazione de La Fune per raccontare un’idea di pace e invita tutti i viterbesi a prenderne parte.

“Focolai di guerra in tutto il mondo, minacce di conflitti atomici, ma anche un crescendo di violenza e conflittualità nelle nostre città e in ambienti che fino a ora ne erano rimasti immuni. Tutto ciò non estingue, anzi alimenta il desiderio di pace e l’impegno di tanti uomini di buona volontà che giorno dopo giorno danno il loro contributo per costruire un mondo di pace – scrive don Mario Brizi -.

Per noi cristiani la beatitudine evangelica: “beati i costruttori di pace”; dovrebbe essere l’ideale a cui ispirare le nostre azioni e scelte quotidiane, e la preghiera per la pace una supplica a Dio perché conceda al mondo questo dono prezioso.

Anche noi vogliamo unire le nostre voci e le nostre preghiere a quelle delle persone di ogni razza, cultura e religione che credono che la pace sia possibile, che non dipende solo dai grandi della terra, che l’unica vera via per risolvere i conflitti sia il dialogo e il confronto, non solo ad alto livello ma anche nei rapporti interpersonali nella famiglia, nella scuola nella società. Per questo ci impegniamo a rifiutare il ricorso ad ogni genere di violenza, sia fisica che morale.

Ecco perché domenica 28 gennaio alle ore 10,30 nella chiesa di San Pellegrino la S. Messa, animata dai ragazzi del catechismo e dalle loro famiglie, sarà incentrata sul tema della pace. Al termine della celebrazione ogni bambino lancerà un palloncino recante un messaggio di pace”.