“Un giornalismo che a noi, ripetiamo a noi, non piace”. W Viterbo

“Un giornalismo che a noi, ripetiamo a noi, non piace”. W Viterbo

C'è giornalismo e giornalismo, così come c'è politica e politica. Il nostro giornalismo può non piacere a qualche politico. Di questo siamo contenti, speriamo di essere sempre più sgraditi facendo bene il nostro lavoro.

ADimensione Font+- Stampa

La notizia del giorno è forse, dal punto di vista del nostro cattivo giornalismo, quella del riacutizzarsi della crisi tra Viva Viterbo e Partito Democratico. A mettere benzina su un fuoco acceso da tempo un semplice tweet, abbastanza irruento, firmato Alessandro Pepponi.

La Fune ha dato la notizia, ritenendo che di notizia si tratta, ma probabilmente doveva ritenere che un tweet del vicepresidente di Viva Viterbo molto duro su un assessore del Partito Democratico fosse un fatto privato. Una roba di poco conto o comunque scevra da ripercussioni politiche. Nell’era in cui Renzi annuncia le decisioni di governo attraverso i social network noi dovevamo, nel nostro piccolo, ignorare il tweet di Pepponi.

Soprattutto non dovevamo fare riflessioni di carattere politico sulla situazione di maggioranza. A nostro modo di vedere, non fare questo avrebbe significato non fare il nostro lavoro. Abbiamo invece deciso di fare un giornalismo che a Moretti non piace e abbiamo dato la notizia. Ma magari Moretti pensa che questa non sia una notizia. Forse ha ragione lui e ci mettiamo a disposizione qualora volesse darci lezioni private di giornalismo. Nella vita non si smette mai d’imparare.

La valutazione politica fatta su La Fune da Simone Carletti, che per Moretti è sgangherata, dimostrerà invece da sola, nelle prossime ore, che così campata in aria non è. Insomma l’evolversi degli eventi ci dirà se il nostro giornalismo va da qualche parte o è sterile. Il tempo è sempre galantuomo.

  • vanessa

    Ultimamente questo giornale più che informazione fa soltanto gossip. Ritornate quelli di prima per favore!

    • Roberto Pomi

      Gentile Vanessa, solo gossip? Forse non me ne accorgo, a me non risulta. Sulla vicenda rifiuti invitiamo a non guardare la pagliuzza dei rifiuti che sporcano la città, ma la trave del contratto tra Viterbo Ambiente e Comune. Abbiamo sollevato la questione dell’Accademia Ardenti “fuggita” in Friuli Venezia Giulia, parlato nei dettagli della questione del termalismo viterbese. Chiesto commissioni d’inchiesta consiliare sui rifiuti e Esattorie spa. Abbiamo portato avanti, con successo, un’inchiesta su Villa Lante. Raccontato la verità sui numeri dei festival culturali viterbesi.

      Oltre a ciò raccontiamo anche la politica. Sul fatto che poi la mia persona starebbe tirando la volata a qualche politico o pseudotale le chiedo di illustrarmi in quale modo, attraverso quale meccanica e per quale scopo. Potrebbe essere interessante fare un’inchiesta anche su me stesso. Mi fornisca le indicazioni.

      Sul caso specifico di Viva Viterbo non possiamo essere colpevoli noi delle leggerezze di altri, leggerezze che a volte in politica rischiano di essere macigni. Ma se Andrea Moretti vorrà farci lezioni private di giornalismo confido in un nostro miglioramento. Se lo conosce lo spinga a diventare nostro insegnante, grazie.

      • vanessa

        Gentile direttore Roberto Pomi, la ringrazio della sua risposta, il mio è soltanto un consiglio da lettrice affezionata a questo giornale. Ultimamente noto questo, che poi lei abbia sollevato e evidenziato molti problemi in passato ha la mia ammirazione, solo che non vorrei che Viterbo diventasse troppo “cinica”. Grazie a lei.

  • Gianni Tassi

    E’ un vizio e una pretesa antica quella dei politici che voglio dare lezioni di giornalismo ai giornalisti. Secondo loro le notizie possono essere buone o cattive, dipende dalle esigenze e dalle strategie (loro). Ed é per questo che i politici – peggio se si parla di politicanti – dovrebbero stare lontani dalle redazioni. Il giornalista ha il dovere di raccontare i fatti accertandone la veridicità, altrimenti tradirebbe la fiducia dei suoi lettori. Nel caso specifico, poi, il dialogo tra i due é passato dal tweed. Più alla luce del sole di così? Roberto, te l’ho già detto più volte: se un politico ti critica é perché hai colpito nel segno e hai fatto bene il tuo lavoro.

  • Giancarlo Paglia

    Questo non mi sembra gossip. Un giornalista dovrebbe,dovrebbe,essere neutrale nel dare le notizie. Quì mi sembra si sia stati perlomeno abbastanza neutrali. Se poi qualcuno non ama sentirsi dire la verità e cioè che nella politica Viterbese ci sono dei movimenti sismici che a breve si svilupperanno con tutta la loro forza,allora viva beato nella sua ingenuità e continui a mettere la calza sotto il camino il 6 Gennaio.

  • vanessa

    Parlo del direttore Roberto Pomi, ultimamente fa solo gossip e aiuta qualcuno a scendere in politica, non solo in questo articolo sennò mi limitavo a leggere “Reteluna”