Un caffè insieme – La trasformazione del profeta Muhammed

Un caffè insieme – La trasformazione del profeta Muhammed

Miei adorati lettori, i miei più sentiti auguri per la Pasqua a tutti i cristiani. Oggi, in questo articolo, vorrei mostrarvi un lato della vita e della personalità del profeta Muhammed (pace e benedizione su di lui) con un messaggio sia per me che per voi.

ADimensione Font+- Stampa

Miei adorati lettori, i miei più sentiti auguri per la Pasqua a tutti i cristiani. Oggi, in questo articolo, vorrei mostrarvi un lato della vita e della personalità del profeta Muhammed (pace e benedizione su di lui) con un messaggio sia per me che per voi.

Dopo aver vissuto a lungo una vita così casta, così pura e così civile, la sua esistenza viene improvvisamente sconvolta. Egli si sente soffocato dalle tenebre dell’ignoranza che è attorno a lui. Vuole fuggire da questi abissi di corruzione, di immortalità, di idolatria, di disordine da cui è assediato. Quanto lo circonda provoca sofferenze nella sua anima. Si ritira nelle colline, lontano dal tumulto della città. Colà passa giorni e notti a meditare nella più completa solitudine. Digiuna per purificare ulteriormente il suo corpo e il suo spirito.

Vaga nella solitudine e medita profondamente; è alla ricerca di una luce che possa dissipare le tenebre circostanti . Anela ad impadronirsi di questa luce per distruggere il mondo disordinato e corrotto del suo tempo e gettare le fondamenta di un mondo nuovo e migliore. 

Ed ecco, che una notevole trasformazione si produce in lui: all’improvviso, il suo cuore viene illuminato dalla luce divina che gli dà l’energia, che egli aveva tanto sognato. A questo punto egli abbandona la grotta e la sua solitudine; ritorna nel mondo e si rivolge alla gente nei seguenti termini: “Cessate di adorare gli idoli che adorate. Nessun essere umano, nessuna stella , nessun albero, nessuna pietra, nessuno spirito … nulla di tutto ciò è degno di ricevere un culto ! Non curvate la vostra testa davanti ad essi ! L’universo e tutto quanto in esso esiste appartiene ad Allah, unicamente a Lui, l’Onnipotente.

Egli è il vostro Creatore … è Lui che vi sostenta e, conseguentemente, è Lui il vostro vero Sovrano. È solamente davanti a Lui che dovete inchinarvi, adorare e fare atto di obbedienza! Perciò, non obbedite ad altri che a Lui, non adorate altri che Lui e osservate i suoi Comandamenti! Agli occhi di Allah sono imprese criminose il saccheggio, il furto, la rapina, l’omicidio, l’ingiustizia, la crudeltà e tutti i vizi che voi praticate! Abbandonate le vostre pratiche inique! Allah ne ha orrore.

Dite la verità, siate giusti, non uccidete, non rubate, prendete solamente quello che vi spetta. Date, con giustizia, quello che agli altri è dovuto; voi siete creature umane e tutte le creature umane sono uguali davanti ad Allah . Nessuno nasce nobile o meschino. Nobile e onorevole è solamente colui che teme, è religioso e sincero nelle parole e negli atti. La nascita, la gloria, la razza non sono criteri di grandezza e di onore. Colui che teme e si comporta con giustizia questo è il più nobile tra gli uomini. Colui nel cui cuore non alberga amore per Allah ed è incallito nel suo mal operare, è maledetto.

C’è un giorno, dopo la vostra morte, in cui ciascuno di voi dovrà comparire davanti al suo Signore. Ciascuno sarà chiamato a render conto delle azioni da lui compiute, buone o cattive. La sorte di ciascuno dipenderà dalle azioni che avrà fatto e in quella sede non sarà possibile tener nascosto nulla.

La storia della vita di ciascuno sarà come un libro aperto davanti a Lui . Davanti al Tribunale del Vero Giudice, l’Onnisciente, non ci saranno raccomandazioni o favoritismi. Non sarà possibile corromperlo. Non si terrà conto, in quella sede , né del lignaggio né degli antenati . Solo la fede autentica e le opere buone saranno prese in considerazione in quel momento.

Colui che sarà bene provvisto avrà il suo posto in Paradiso, mentre chi ne sarà sprovvisto sarà precipitato nel fuoco dell’Inferno!”. Questo è il messaggio! Il popolo, ignorante, si ribella e insulti e pietre volano contro la sua angusta persona. Egli sopporta ogni sorta di tortura e crudeltà, a cui viene sottoposto, senza tregua, non per uno o per due giorni , ma per ben 13 lunghi anni. Da ultimo è esiliato. Ma anche in esilio non gli è data tregua. Anche nel suo rifugio è angustiato diverse volte. Tutta l’Arabia è in fermento contro di lui, per altri 8 anni interi, è perseguitato. Tuttavia, sopporta tutto senza spostarsi nemmeno di un millimetro dalla sua posizione . Egli è risoluto , fermo ed inflessibile nella sua convinzione.

Questo è un esempio per tutti colori che nell’arco della loro vita hanno subito ingiustizie di diverso tipo : siate pazienti e sperate sempre in meglio e ricordatevi niente è lasciato al caso. Dopo ogni disgrazia vi è una saggezza accompagnata da una ricompensa immensa; abbiate solo pazienza !