Un bonifico per “Salvare il campanile di Civita”

Un bonifico per “Salvare il campanile di Civita”

Don Luca della parrocchia di San Donato lancia l'appello, Bigiotti: “Siamo pronti a sostenere”.

ADimensione Font+- Stampa

“Salviamo il campanile di Civita di Bagnoregio”. Questo l’appello lanciato dalla parrocchia di San Donato a Civita, nella persona di don Luca Viberti. Il campanile ha subito dei danneggiamenti con il terremoto del 30 ottobre, lo stesso che ha devastato la bellissima Norcia.

Il parroco ha incontrato il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti, che ha assicurato che il Comune farà il suo e contribuirà in maniera importante alla sistemazione. Il primo cittadino ha anche deciso di diffondere sul territorio l’appello della parrocchia, proprietaria del bene.

“Civita è un patrimonio di tutti – le parole di Bigiotti -. Come Comune siamo pronti a metterci in gioco con nostre risorse ma apprezziamo e condividiamo l’idea di un appello diffuso, sicuramente utile a reperire gli importanti fondi necessari agli interventi di sistemazione. Invito quindi tutti gli amanti del bello e della nostra storia a contribuire, in base alle proprie possibilità, all’impresa. Come amministrazione abbiamo deciso di destinare gli incassi per l’ingresso a Civita nei giorni dell’importante iniziativa della Regione Lazio ‘La Città Incantata’, che ospiteremo nel nostro borgo nei giorni dal 7 al 9 luglio, alla sistemazione del campanile”.

Per don Luca è importante l’interessamento e il sostegno di tutti: “Civita rappresenta un bene unico al mondo e il nostro campanile è uno dei suoi luoghi simbolo più rappresentativi. Sono sicuro che in tanti vorranno esserci vicini”. Sarà possibile partecipare con bonifici intestati a Parrocchia San Donato / Intesa San Paolo, filiale di Bagnoregio, IBAN IT47A0306972870000010062638

Banner
Banner
Banner