Un anno di Viterbo Civica: dalla pulizia di angoli incantati di Viterbo ad azioni di denuncia dell’inquinamento

Un anno di Viterbo Civica: dalla pulizia di angoli incantati di Viterbo ad azioni di denuncia dell’inquinamento

Viterbo Civica stila un bilancio sull'anno appena trascorso. "Con vero piacere, vogliamo condividere con tutti i cittadini un anno di Viterbo Civica trascorso insieme a sostegno della comunità, combattendo l’inciviltà, l’incuria e l’indifferenza dei nostri amministratori - scrivono dall'associazione -.

ADimensione Font+- Stampa

Viterbo Civica stila un bilancio sull’anno appena trascorso. “Con vero piacere, vogliamo condividere con tutti i cittadini un anno di Viterbo Civica trascorso insieme a sostegno della comunità, combattendo l’inciviltà, l’incuria e l’indifferenza dei nostri amministratori – scrivono dall’associazione -.

Alcuni risultati li abbiamo raggiunti ma c’è sta ancora tanto da fare. Siamo sempre pronti a mettere in luce tutto ciò che non va, sperando, per il prossimo anno, di continuare ad avere la collaborazione di tutti i viterbesi e dei volontari che si sono affiancati nei nostri interventi.

Il 2016 è stato un anno ricco di impegni, oltre alle solite tinteggiature e pulizie di parchi e fontane, ecco in ordine di mese i traguardi più importanti che l’associazione ha raggiunto. Abbiamo iniziato a gennaio, incoraggiando le donne a effettuare denunce se vittime di violenze. Nello stesso mese, armati di pennelli, abbiamo tinteggiato il sottopasso di via Marconi e quello a San Martino, concludendo con la pulizia della fontana di Piazzale Gramsci.

A febbraio abbiamo fatto pressione per far togliere le processionarie dagli alberi che stavano diventando un pericolo per le scuole e ci siamo affiancati ai comitati per la difesa dell’acqua pubblica. Nel mese di marzo abbiamo denunciato una mega discarica vicino ai mercati generali ed organizzata una manifestazione davanti alla prefettura per chiedere più sicurezza.

Ad aprile abbiamo provveduto a pulire un parco a La Quercia e dopo un’attenta verifica abbiamo effettuato una clamorosa denuncia sull’inquinamento dell’Urcionio, evento che viene anche trattato in Parlamento. Proseguendo, con Gens Nova, l’associazione ha pulito per la terza volta la Fontana a Sfera al Murialdo, quindi insieme a Fondazione della Tuscia di Santucci, si è effettuata la raccolta firme sulla sicurezza, al termine di questo mese intenso di iniziative è stata eseguita la riparazione del ponte a Castel d’Asso con picnic.

A maggio, dopo un nubifragio che ha interessato tutto il Viterbese, abbiamo organizzato una cena di beneficenza per sostenere la Pizzeria Salicicchia già danneggiata più volte da questo evento.

Giugno passa veloce e tanto per tutelare il territorio si è evidenziato uno sversamento di olio nei tombini in centro.
Luglio è segnato dalla bellissima iniziativa del pane sospeso, e in una conferenza è stato illustrato che finalmente anche Viterbo ha aderito a questo nobile gesto, da non dimenticare che grazie ai volontari il lavatoio di Madonna della Spiga è tornato a splendere.

Ad agosto invece abbiamo avuto grande soddisfazione nel portare al suo splendore le antiche colombarie a ponte dell’Elce. Settembre si apre con il tesseramento annuale all’associazione insieme all’iniziativa delle firme per il poliziotto di quartiere che prosegue per tutto il mese di ottobre.

Per il mese di novembre ci siamo impegnati a riportare alla sua dignità il lavatoio di Tobia, per poi effettuare una denuncia alla Procura per danno ambientale causato dalle isole di prossimità, quindi, dulcis in fundo, abbiamo donato una lavatrice alla scuola dell’infanzia del Pilastro e pulito lo storico lavatoio del campo Graziano a La Quercia.
A dicembre, come si fa in tutte le buone famiglie, si tirano le somme, e, con la chiusura del bilancio, l’associazione ha deciso di donare tutti i suoi averi al Comune di Amatrice.

Augurando a tutti un felice anno nuovo vi ringraziamo per esserci stati vicino, per sostenerci come sempre fate e soprattutto ricordiamoci che, qualsiasi cosa facciamo per il bene Comune, oltre che viene fatto per noi è una garanzia per il futuro dei nostri figli”.

Banner
Banner
Banner