Ultraitaliani, l’omaggio all’amministrazione Bigiotti sul libro in edicola con Il Giornale

Ultraitaliani, l’omaggio all’amministrazione Bigiotti sul libro in edicola con Il Giornale

Nel libro 'Il coraggio di essere ultraitaliani' una parte dedicata all'esempio virtuoso del Comune di Bagnoregio. Il lavoro del giornalista de Il Giornale Emanuele Ricucci, in edicola da ieri e per una settimana come allegato al quotidiano, spende parole positive sull'amministrazione Bigiotti.

ADimensione Font+- Stampa

Nel libro ‘Il coraggio di essere ultraitaliani’ una parte dedicata all’esempio virtuoso del Comune di Bagnoregio. Il lavoro del giornalista de Il Giornale Emanuele Ricucci, in edicola da ieri e per una settimana come allegato al quotidiano, spende parole positive sull’amministrazione Bigiotti.

Lo stesso sindaco commenta: “Grazie al giornalista Ricucci per lo spazio dedicato in questo suo lavoro, dove la nostra amministrazione viene portata come esempio positivo di gestione della cosa pubblica”.

“Cosa c’è di più di ultraitaliano ed etico – scrive Ricucci – che aiutare i propri cittadini ad affrontare la crisi economica? Se non lo fa il governo, ci pensano amministratori come quelli di Bagnoregio, dove il sindaco è riuscito nel miracolo di non far pagare più le tasse agli abitanti.

Una storia di virtuosismo amministrativo, quella di Francesco Bigiotti. Il quale, dopo la Tasi, ha deciso di eliminare anche l’addizionale Irpef (l’Imu nel comune viterbese era già stata portata al minimo). Un lavoro frutto di manovre amministrative accorte – “solo con la spending review zero mutui, zero missioni” – e sfruttando e mettendo a reddito il “tesoro” in casa, ossia la bellezza della città stessa.

L’introduzione di un biglietto d’ingresso di 1,50 euro per chi viene a visitare l’immensa Civita di Bagnoregio, un antico gioiello nazionale nato 2500 anni fa, accompagnata da una campagna efficace di promozione, ha permesso infatti di abbattere la tassazione, di sostenere il rilancio dell’economia locale e l’apertura di nuove attività”.