Elezioni politiche: ELETTI Fusco, Battistoni e Rotelli. Mancinelli e Contardo fuori, Tuscia a secco nel proporzionale

Elezioni politiche: ELETTI Fusco, Battistoni e Rotelli. Mancinelli e Contardo fuori, Tuscia a secco nel proporzionale

La Lega nel nostro collegio, quello migliore nel centro sud per il Carroccio, sembrava poter avere due, se non tre, eletti in Parlamento ma alla fine è stato premiato l'ottimo risultato di Fratelli d'Italia a cui scatta un seggio

ADimensione Font+- Stampa

Elezioni politiche: esiti e risultati

A Viterbo, nel Lazio 2, eletti Francesco Battistoni e Mauro Rotelli, candidati del Centrodestra. Insieme a loro Umberto Fusco. Boom di voti della Lega. Alla Camera dei Deputati, per Giuseppe Fioroni la strada sembra in salita e servirebbe un miracolo per la sua rielezione. Vedendo l’andamento nazionale, è difficile per lui prevalere all’uninominale. Ancor più difficile che per il Pd scattino tre seggi al proporzionale, dove è terzo in lista a Viterbo. Ufficiale l’elezione anche di Umberto Fusco a Guidonia Montecelio.

Dati definitivi a Viterbo città, alla Camera.

 

 

Gli eletti a Viterbo

La Lega nel nostro collegio, quello migliore nel centro sud per il Carroccio, sembrava poter avere due, se non tre, eletti in Parlamento ma alla fine è stato premiato l’ottimo risultato di Fratelli d’Italia a cui scatta un seggio (oltre quello di Mauro Rotelli. Il risultato interessava i viterbesi Tiziana Mancinelli ed Enrico Contardo che così rimangono fuori. 

Alla Camera dunque nella Tuscia a secco scattano i seggi: per il centrodestra, oltre al candidato Uninominale Mauro Rotelli, anche Barbara Saltamarini (Lega), Renata Polverini (Fi), Francesco Lollobrigida (Fdi); 2 seggi per il Movimento 5 Stelle, Marta Grande e Gabriele Lorenzoni; per il centrosinistra Fabio Melilli.

Al Senato oltre a Francesco Battistoni (FI) all’uninominale anche Giulia Bongiorno (Lega), Maurizio Gasparri (FI), Marco Marsilio (FdI), Elio Lannutti e Alessandra Maiorino per il Movimento 5 Stelle e Bruno Astorre per il Partito Democratico.

La Tuscia rimane a secco nel proporzionale, molti dei candidati eletti però hanno il seggio scattato anche in altre circoscrizioni, e si attendono gli ultimi conteggi per capire per quale opteranno. I viterbesi sono però lontani e non hanno alcuna possibilità

Per il Senato situazione simile, ma nessun viterbese in corsa davvero per i 7 seggi, a parte quello uninominale che dovrebbe essere appannaggio di Francesco Battistoni. Sarà probabilmente eletto senatore anche Umberto Fusco (Lega) candidato all’uninominale nel Lazio 2 nel collegio di Guidonia Montecelio.

 

 

 




 

L’affluenza al voto

Al voto il 75% dei viterbesi. Il 3% in più rispetto al Referendum del 4 dicembre 2016. Alle elezioni politiche la percentuale di voto alle ore 19 è del 57,94 in Italia, mentre è del 55,37% a Viterbo. Alle ore 12 a Viterbo avevano votato il 17,59% degli aventi diritto. Il dato più o meno in linea con quello del Referendum del 4 dicembre 2016 quando a Viterbo votarono poco più del 70% degli aventi diritto.

Il risultato per le regionali dei votanti all’ora di pranzo è stato intorno al 16,5%. Alle 19 hanno votato il 53,13% degli aventi diritto. Nel complesso nella Regione poco di più.

 

Chi eleggiamo direttamente

Partiamo dalle cose facili e dai nomi scritti in alto nella lista dei nomi, ovvero quelli senza numeretto davanti. Siamo nella competizione uninominale. In questo tipo di competizione sarà eletto un solo candidato Senatore e un solo candidato Deputato: andranno in Parlamento i due, uno per Camera, che avranno ottenuto un voto in più degli altri competitors. E in questo caso si contano solo i voti del Collegio nel quale si esprime il voto e dunque l’elezione è da considerarsi diretta.

 

Chi eleggiamo indirettamente

Passiamo alle cose un po’ più difficili e alla lista di nomi che vi troverete sulla scheda, di fianco al logo del Partito e sotto al nome dell’Uninominale. Siamo qui nel sistema proporzionale. In questo caso gli eletti derivano da un complicato calcolo a livello nazionale che dovrebbe garantire la rappresentanza a tutti i partiti che superano la soglia di sbarramento. Il meccanismo è un po’ complesso e non è molto intuitivo.

Per far sì che il nostro voto elegga davvero qualcuno al proporzionale, deve andare su una lista che otterrà almeno il 3% dei voti su scala nazionale. Al Senato c’è una possibilità in più. Se fallisce l’obiettivo del 3% la lista comunque accede alla ripartizione dei seggi se i una sola Regione abbia ottenuto più del 20%. Questo vale per i singoli partiti. Per le coalizioni di partiti la soglia di sbarramento è del 10%, a patto che almeno una delle liste che la compongono raggiunga il 3 per cento a livello nazionale. Se una di queste liste non ha raggiunto il 3%, ma ha ottenuto più dell’1% i voti vengono divisi tra i suoi alleati.

 
Tutti i candidati al Parlamento nella Tuscia: i 164 nomi sono stati ufficializzati dal Ministero degli Interni. Alcune liste non sono presenti in tutte le competizioni, altre hanno meno nomi di altre. In rosso invece trovate i nomi dei viterbesi (a proposito, segnalateci i refusi!). La nuova legge elettorale lascia difficile capire quanti candidati saranno eletti per ciascun partito nei listini proporzionali del plurinominale, sia alla Camera dei Deputati che al Senato della Repubblica, per ogni partito.

Il sistema di voto è misto: ovvero ha una componente proporzionale e una componente maggioritaria. Sia per la Camera che per il Senato all’uninominale (sistema maggioritario) sarà eletto il candidato che avrà ottenuto un voto in più degli altri. Questo è l’unica elezione diretta alla quale parteciperanno i viterbesi: i candidati nelle liste plurinominali (sistema proporzionale) infatti vengono eletti calcolando i dati a livello nazionale: in tutti saranno 7 gli eletti dalle liste del Senato e 6 da quelle per la Camera dei Deputati. Dal voto dell’uninominale sarà eletto il candidato che avrà un voto in più degli altri. 

Nota Bene! Non eleggeremo nessun presidente del Consiglio, ma solo i nostri parlamentari. La legge difficilmente garantirà la presenza di una maggioranza in Parlamento, quindi prepariamoci a lunghe settimane di trattative prima di vedere all’opera un nuovo Governo che sostituisca quello che è ancora in carica per l’ordinaria amministrazione.

Chi vota. Partecipano al voto per la Camera dei Deputati tutti i cittadini italiani che hanno compiuto 18 anni. Per il Senato votano solo coloro che di anni ne hanno almeno 25.
Dove scaricare i programmi delle elezioni? Il Ministero degli Interni ha raccolto tutti i programmi dei Partiti che si candidano alle elezioni del 4 marzo 2018. Li abbiamo raccolti qui insieme a tutti i loghi che si presenteranno alla tornata elettorale nella Circoscrizione di Viterbo I programmi delle elezioni 2018.

Per scoprire invece tutti i candidati e la guida al voto per le Elezioni regionali del 4 marzo per il rinnovo dell’amministrazione regionale clicca qui.

Le schede elettorali

 

 

Come si vota 

 
Come si vota alle elezioni politiche: leggi il nostro approfondimento

Qui per tutti i sondaggi aggiornati (sono stati sospesi per legge)

 

Le sfide elettorali del 4 marzo

Scopri i candidati delle Elezioni Regionali del Lazio

 

  Camera Camera Senato Senato
CENTROSINISTRA Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Partito Democratico Giuseppe Fioroni Fabio Melilli
Lorenza Bonaccorsi
Giuseppe Fioroni
Silvia Marongiu
Alessandro Mazzoli Bruno Astorre
Monica Cirinnà
Francesco Scalia
Alessandra Terrosi
+Europa  Giuseppe Fioroni Marco Gentili
Silvja Manzi
Leonardo Monaco
Roberta Cardarelli
Alessandro Mazzoli Massimiliano Iervolino
Emma Bonino
Giordano Masini
Diana Severati
Italia Europa Insieme Giuseppe Fioroni Sara Paolini
Carlo Ubertini
Francesca Filosa
Mauro Giovanale
Alessandro Mazzoli Asha Omar Ahmed
Egisto Colamedici
Antonella Liberatori
Sergio Benedetto
Civica Popolare
Lorenzin
Giuseppe Fioroni Alessandro Cuzzoli
Virginia Pitorri
Nicola D’Elia
Paola Ricci
Alessandro Mazzoli Fabiola Anitori
Raffaele Landolfi
Manuela Cipri
Giacomo Molinari

 

  Camera Camera Senato Senato
LIBERI E UGUALI Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Liberi e Uguali Patrizia Berlenghini Alfredo D’Attorre
Patrizia Berlenghini
Domenico Scacchi
Maria Gigliola Cantoni
Stefania Cammilletti Loredana De Petris
Gian Piero Marroni
Sarah Testerini
Domenico Pelliccia

 

  Camera Camera Senato Senato
MOVIMENTO 5 STELLE Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Movimento 5 Stelle Elisa Galeani  Marta Grande
Gabriele Lorenzoni
Simona Sassara
Matteo Simoncini
 Alberto Cozzella Elio Lannutti
Alessandra Maiorino
Aniello Prisco
Elisabetta Trenta

 

  Camera Camera Senato Senato
CENTRODESTRA Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Forza Italia  Mauro Rotelli Renata Polverini
Davide Bordoni
Moira Rotondo
Fabio Notazio
 Francesco Battistoni Maurizio Gasparri
Lella Golfo
Arturo Diaconale
Martina Salza
Fratelli d’Italia
con Giorgia Meloni
 Mauro Rotelli Francesco Lollobrigida
Rosa Sigillò,
Giampiero Monti
Veronica Felici
 Francesco Battistoni Marco Marsilio
Isabella Rauti
Nicola Calandrini
Laura Allegrini
Lega  Mauro Rotelli Barbara Saltamartini
Filippo Maturi
Tiziana Mancinelli
Enrico Contardo
 Francesco Battistoni Giulia Bongiorno
Gianfranco Rufa
Anna Bonfrisco
Umbrerto Fusco
Noi con l’Italia
UDC
 Mauro Rotelli Simonetta Badini
Guido Cianti
Mara Mancini
Simone Rosati
 Francesco Battistoni Paola Binetti
Antonio Perrelli
Daniela Anetrini
Massimo Massimi 

 

  Camera Camera Senato Senato
POTERE AL POPOLO! Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Potere al Popolo! Roberta Leoni Roberta Leoni
Germano Di Francesco
Annunziata Maccari
Fabrizio Pinardi
 Armando Di Marino Franco Bartolomei
Anna Roghi
Marco Sgavicchia
Nunziata Tomasello

 

  Camera Camera Senato Senato
CASAPOUND ITALIA Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Casapound Italia Umberto Ciucciarelli Davide Di Stefano
Emmanuela Florino
Giorgio Cavaceppi
Lavinia Nepa
 Claudio Taglia Arianna Grandinetti
Luca Parapetto
Antonella Burza
Giuseppe Di Silvestre

 

  Camera Camera Senato Senato
IL POPOLO DELLA FAMIGLIA Uninominale  Plurinominale Uninominale Plurinominale
Il Popolo della Famiglia Guido Pianeselli Guido Paneselli
Barbara Putignani
Alessandro Lorenzini
Anna Cavallo
Marco Rocchi Angelo De Santis
Gabriella Salcito
Marco Rocchi
Tiziana Sestan

 

  Camera Camera Senato Senato
ITALIA AGLI ITALIANI Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Italia agli Italiani Sonia Bianchi
Paolo Ferraro
Immacolata Del Sorbo
Giuseppe Marotta
Michele De Lazzaro Alessia Augello
Carlo Morganti
Sonia Mancini
Luigi Sciommeri

 

  Camera Camera Senato Senato
PER UNA SINISTRA
RIVOLUZIONARIA
Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Per una Sinistra
Rivoluzionaria
Valeria Ricca Chiara Mazzanti
Mario Tommasi
Valeria Ricca
Matteo Cingolani
Caterina Di Rienzo Irene Caporale
Alessio Vittori
Nazzarena Desideri
Massimo Cappellani

 

  Camera Camera Senato Senato
PARTITO COMUNISTA Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Partito Comunista Massimo Recchioni Giulia Maderini
Massimo Recchioni
Eleonora D’Antoni
Gennaro Cicala
Mauro Botta Ilaria Raggi
Massimo Pedretti
Alessandra Carmenati
Mauro Botta

 

  Camera Camera Senato Senato
PARTITO REPUBBLICANO
ITALIANO – ALA
Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Partito Repubblicano
Italiano – ALA
Mariana Lina Altamura Laura Angelisanti
Michele Polini
Giuliana Giorgi

 

  Camera Camera Senato Senato
LISTA DEL POPOLO PER
LA COSTITUZIONE
Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Lista del popolo per
la Costituzione
Alessandro Diotallevi Alessandro Diotallevi
Angela Matteucci
Luca Massimo Climati
Anna Rita Putzu
Corina Constantinescu Corina Constantinescu
Orfero Notaristefano
Anna D’Angelo
Flavio Cariani

 

  Camera Camera Senato Senato
DEMOCRAZIA CRISTIANA Uninominale Plurinominale Uninominale Plurinominale
Democrazia Cristiana Antonello Armato Carlo Ranucci
Maria Adelaide Guarisco