Tuscania prossima regina del fotovoltaico; il sindaco Bartolacci mette i paletti per tutelare sviluppo turistico e agroalimentare

Tuscania prossima regina del fotovoltaico; il sindaco Bartolacci mette i paletti per tutelare sviluppo turistico e agroalimentare

In arrivo investimenti sul fotovoltaico in tutta la Tuscia, con particolare interesse per la zona di Tuscania. La notizia trova conferma anche presso il sindaco Fabio Bartolacci. 

ADimensione Font+- Stampa

In arrivo investimenti sul fotovoltaico in tutta la Tuscia, con particolare interesse per la zona di Tuscania. La notizia trova conferma anche presso il sindaco Fabio Bartolacci. 

“C’è questo interesse concreto sul nostro territorio – così il primo cittadino di Tuscania – e come Comune abbiamo mosso i giusti passi per governarlo e regolamentarlo in tempi non sospetti. Il tema c’è. E’ di stretta attualità e se ne parlerà sempre di più nei prossimi anni. Non ero a conoscenza di questa società di cui avete raccontato nei giorni scorsi (la Cen) ma posso dire che esiste già un altro progetto per la realizzazione di una trentina di ettari di fotovoltaico ufficialmente depositato in Comune e che ora è al vaglio della Regione Lazio, come dispone la normativa vigente”.

La nascita di parchi fotovoltaici, specie se di grandi dimensioni è un tema delicato e non banale. “Non siamo contrari in maniera preconcetta – ci tiene a sottolineare Bartolacci – e vogliamo cogliere questa possibilità di sviluppo ulteriore per il territorio ma dobbiamo contemporaneamente pensare a tutelare gli altri settori per noi strategici: turismo e agroalimentare. E ci abbiamo pensato già dal 2014, con l’approvazione della delibera 60”.

Una delibera che di fatto pone sotto tutela, per ragioni di interesse paesaggistico, turistico,
archeologico ed agroalimentare le zone di Montebello, Poggio Martino, Carcarella e l’intera Valle
del Marta.