Turismo nella Tuscia, Montalto lancia un’opa grazie ai tesori di Vulci

Turismo nella Tuscia, Montalto lancia un’opa grazie ai tesori di Vulci

Montalto punta a diventare una realtà davvero turistica. Non più solo il litorale, con la spiaggia e il mare, ma anche dell'altro viene messo in gioco. Al centro di questa prospettiva gioca un ruolo strategico il territorio di Vulci.

ADimensione Font+- Stampa

Montalto punta a diventare una realtà davvero turistica. Non più solo il litorale, con la spiaggia e il mare, ma anche dell’altro viene messo in gioco. Al centro di questa prospettiva gioca un ruolo strategico il territorio di Vulci.

Terra di terme e di ricchezze archeologiche, incastonate nella bellezza della campagna della bassa Maremma. In questa cornice la “stratta di mano” tra Terme e la Fondazione Vulci, che gestisce il parco archeologico e naturalistico nel cuore dell’Etruria meridionale.

L’intesa, che tende all’ampliamento della stagione turistica e della durata dei soggiorni, ha come momento significativo la possibilità di accesso a entrambe le strutture con un unico biglietto.
Con l’accordo firmato si sostanzia una prima offerta di turismo legato alla cultura, al benessere e all’enogastronomia nel territorio.

Dal prossimo mese, infatti, a cura del Parco e delle Terme, verrà proposto il weekend ”Cultura e Benessere a Vulci” anche al fine di incentivare i pernottamenti e la ristorazione del territorio. Le direzioni delle due strutture stanno provvedendo al monitoraggio della situazione ricettiva e di ristorazione con il miglior rapporto qualità prezzo.

Nel pacchetto sarà prevista anche la visita ad aziende di prodotti tipici locali di alta qualità per favorirne la vendita.

Il presidente di Fondazione Vulci, Carmelo Messina, ha espresso il compiacimento per quest’accordo che ”rafforza la ricaduta economica della attività turistica sul territorio”.
”Con l’obiettivo sostanziale della destagionalizzazione dei flussi turistici – dichiara la delegata al turismo del Comune di Montalto, Silvia Nardi – la Fondazione Vulci insieme all’assessorato al Turismo hanno elaborato un piano di promozione per il parco che vede nella collaborazione con le Terme un importante passo al fine di rendere Vulci un polo di attrattiva nazionale e internazionale”.

”Lo sviluppo del parco di Vulci passa anche dalla sinergia con le attività del territorio – afferma il sindaco Sergio Caci – sopratutto sulle scommesse imprenditoriali come quella delle terme di Vulci. Il presidente del parco archeologico e gli amministratori delle terme sono stati lungimiranti: più flussi turistici significheranno maggiori posti di lavoro”.

Natale Viterbo