Treta: “Vogliamo Tofani assessore, veti Pd sarebbero anacronistici”

Treta: “Vogliamo Tofani assessore, veti Pd sarebbero anacronistici”

Il consigliere della Lista civica per i diritti del Consiglio comunale indica la linea già indicata dal sindaco (qui) e fa un passo avanti indicando il capogruppo di Oltre Le Mura quale consigliere da promuovere.

ADimensione Font+- Stampa

Treta: “Tofani assessore, è la nostra indicazione. Veti Pd sarebbero anacronistici”. Il consigliere della Lista civica per i diritti del Consiglio comunale indica la linea già indicata dal sindaco (qui) e fa un passo avanti indicando il capogruppo di Oltre Le Mura quale consigliere da promuovere in vista dell’allargamento della Giunta. Un nome “indicato già da 10 mesi dai civici”, dice Treta. “Lo abbiamo indicato da luglio scorso, poi però il rimpasto non si chiuse e pure a dicembre fu stoppato con l’apertura della crisi”.

A non volere Maurizio Tofani è il Partito Demcoratico, o meglio, parte di esso: quello degli ex-dissidenti, i cui confini però oggi è difficili da decifrare, così come il loro spirito combattivo. In pole contro il consigliere di Oltre le Mura c’è sempre stato l’ex capogruppo del Pd Francesco Serra che ha sempre detto chiaramente che non voleva vedere in Giunta uomini provenienti dalle ex amministrazioni di centrodestra.

La confederazione civica (composta da Oltre Le Mura, Civica per i diritti, Viva Viterbo e MoRi) però non demorde indica Tofani. “Non so se i veti valgono ancora – ha aggiunto Treta – ma sarebbero anacronistici. Noi non ci rimangiamo le parole e siamo perfettamente in linea con quel che avevamo detto dieci mesi fa. Non si capisce – ha concluso Treta – perché andava bene quando portava voti e ora non va bene. La scelta finale comunque è del sindaco, ma l’indicazione è questa”.