Treta ci riprova: “Abbattere il PalaMalé e fare un nuovo impianto a costo zero”

Treta ci riprova: “Abbattere il PalaMalé e fare un nuovo impianto a costo zero”

Livio Treta ha ribadito ieri mattina in Consiglio comunale la proposta lanciata già dalle pagine de La Fune nel giugno scorso, per arrivare a costruire una nuova struttura che risponda “ad una concezione moderna di impianto sportivo”

ADimensione Font+- Stampa

Treta torna alla carica: “Bisogna abbattere il PalaMalé e fare un nuovo impianto, a costo zero”. Livio Treta ha ribadito ieri mattina in Consiglio comunale la proposta lanciata già dalle pagine de La Fune nel giugno scorso, per arrivare a costruire una nuova struttura che risponda “ad una concezione moderna di impianto sportivo”. L’ex presidente del Coni provinciale, oggi consigliere comunale del comune di Viterbo ha così riproposto lo spunto in occasione del Consiglio straordinario dedicato allo Sport.

L’idea è quella di affidare ad un privato il terreno edificabile sul quale è costruito il PalaMalé in cambio di un nuovo impianto in un’altra zona di Viterbo. “Lo sostengo da dieci anni – ci aveva detto Livio Treta – ma sembra che parlarne sia un tabù. Il Palazzetto va abbattuto, il valore della terra, edificabile, in quella zona è elevato e ci sono ditte disponibili a consegnare al Comune un impianto nuovo, prima di abbattere il vecchio. Così – ha aggiunto – non si perderebbe nemmeno un giorno di attività sportiva”.

Il Palazzetto dello sport di Viterbo è una struttura maledetta. È infatti chiamato tra gli addetti ai lavori “Palaghiaccio”, a causa della struttura che d’inverno fa precipitare le temperature a pochi gradi sopra lo zero e impedisce l’attività agonistica e sportiva se non a costi elevatissimi. Si parla di circa 150\200 euro all’ora per riscaldarlo. “Ha temperature e ossigenazione idonea solo 15 giorni all’anno, perché poi dopo metà maggio – ancora Treta – il caldo diventa insopportabile”.
L’idea dunque è quella di un nuovo impianto per basket e pallavolo da costruire “in un qualsiasi spazio a disposizione della amministrazione – ha detto – basterebbe una variante al Prg”.

  • pascal91

    Si, continuiamo a cementare la campagna, di questa città che ogni anno è più squallida. Ma buttare giù l’ex centrale del latte per fare il nuovo palasport?

Banner
Banner
Banner