Trasporti, lunedì da incubo per i pendolari della Tuscia su Roma

Trasporti, lunedì da incubo per i pendolari della Tuscia su Roma

Si preannuncia un inizio settimana particolarmente complicato sul fronte dei trasporti. Roma sarà infatti interessata dallo sciopero, annunciato, dei mezzi Atac. Braccia incrociate per 24 ore e questo di fatto andrà a paralizzare la capitale mettendo a rischio le corse di autobus, tram e metro.

ADimensione Font+- Stampa

Si preannuncia un inizio settimana particolarmente complicato sul fronte dei trasporti. Roma sarà infatti interessata dallo sciopero, annunciato, dei mezzi Atac. Braccia incrociate per 24 ore e questo di fatto andrà a paralizzare la capitale mettendo a rischio le corse di autobus, tram e metro.

La situazione riguarda inevitabilmente anche la Tuscia, soprattutto i tanti pendolari del Viterbese che ogni giorno si recano nella città eterna per lavoro o studio.

 

In programma una doppia agitazione indetta dai sindacati Ugl-Autoferrotranvieri e da Orsa-Tpl che mette a rischio metro A, B/B1 e C e le ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Viterbo. Inizio alle 8,30 e il tutto si protrarrà fino alle 17, per poi riprendere dalle 20 a fine servizio. In queste fasce, quindi, non saranno garantiti metro, tram e autobus della rete Atac.

Sarà possibile raggiungere Roma dalle 5.30 all’ultima corsa prima dello stop fissato alle 8,30 e nella fascia di garanzia che va dalle 17,01, con bus e treni metro che riprenderanno a circolare dalle 17,30, alle 20.