Tour operator da Argentina, Brasile, Cina, Giappone e Stati Uniti alla scoperta di  Viterbo e Civita di Bagnoregio

Tour operator da Argentina, Brasile, Cina, Giappone e Stati Uniti alla scoperta di Viterbo e Civita di Bagnoregio

Tour operator provenienti da diverse parti del mondo, Argentina, Brasile, Cile, Canada, Messico, Cina, Giappone, India e Stati Uniti, alla scoperta delle bellezze storiche e paesaggistiche del Viterbese. È Promotuscia Viaggi e Congressi, in qualità di destination management company (Dmc) di Viterbo e provincia, ad avere organizzato l'educational tour su mandato di Enit (Agenzia Nazionale del Turismo) nella Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

Tour operator provenienti da diverse parti del mondo, Argentina, Brasile, Cile, Canada, Messico, Cina, Giappone, India e Stati Uniti, alla scoperta delle bellezze storiche e paesaggistiche del Viterbese. È Promotuscia Viaggi e Congressi, in qualità di destination management company (Dmc) di Viterbo e provincia, ad avere organizzato l’educational tour su mandato di Enit (Agenzia Nazionale del Turismo) nella Tuscia.

Il giro è iniziato il 27 giugno con la visita di Roma e il 28 con la visita a Civita di Bagnoregio e Viterbo. Un’occasione unica per far conoscere realtà del nostro territorio a esperti qualificati del settore. La delegazione era composta da professionisti che operano da anni nel turismo, affermandosi come prime scelte nei propri paesi d’origine per
l’organizzazione di viaggi a migliaia di persone in tutto il mondo.

Alcuni di questi operatori sono arrivati a Roma dopo avere percorso mezzo globo e dopo un giro nella capitale sono partiti alla volta della provincia viterbese, che per la prima volta ha accolto un gruppo così ricco in termini di nazionalità e di anni di esperienza nell’ambito turistico.

Qui, la delegazione è stata accompagnata in mattinata per la visita di Civita di Bagnoregio, mentre nel pomeriggio è stata la volta di Viterbo. L’importanza dell’evento si riflette nella grande visibilità data alla Tuscia nel mercato turistico internazionale, rendendola ancora più competitiva e capace di attrarre i visitatori interessati ai tesori del centro Italia.