Torna ‘Camilleri ad alta voce’ al Consorzio Biblioteche

Torna ‘Camilleri ad alta voce’ al Consorzio Biblioteche

Appuntamento alle 17,30 di giovedì con il secondo incontro di 'Camilleri ad alta voce'. Un pomeriggio con la Banda del Racconto di Antonello Ricci con l'obiettivo di raccogliere fondi per la sezione viterbese dell'Unione Nazionale Ciechi.

ADimensione Font+- Stampa

Secondo appuntamento per il ciclo ‘Camilleri ad alta voce’. In scena il libro ‘Le pecore e il pastore’, ambientato nel 1945 e ispirato a un fatto realmente accaduto che ha ispirato la trama di Camilleri. L’iniziativa nasce da una sinergia virtuosa tra Consorzio Biblioteche, Unione Nazionale Ciechi sezione di Viterbo e ‘Banda del Racconto’.

E’ la risposta viterbese per mettere a frutto al meglio la donazione di Camilleri di tantissimi libri a sostegno dell’Unione Nazionale Ciechi. Un regalo di 50mila volumi in tutta Italia da parte dello scrittore siciliano e la sfida delle sezioni dell’associazione di trasformarli in denaro sonante da mettere al servizio delle attività svolte durante l’anno.

L’ingresso per questo giovedì 19 alle 17,30, presso la sala conferenze della biblioteca Anselmi (viale Trento), è al costo di dieci euro. Il costo di un libro da scegliere tra oltre dieci titoli possibili messi a disposizione da Sellerio. Lo spettacolo di Antonello Ricci e Pietro Benedetti invece sarà offerto.