Termalismo, sabato continua la lunga marcia delle associazioni

Termalismo, sabato continua la lunga marcia delle associazioni

Fronte termalismo, le associazioni non mollano e pressano sul Comune affinché prenda le scelte necessarie a ridare alle ex Terme Inps l'acqua necessaria alla rinascita.

ADimensione Font+- Stampa

Inps“Riaprire le Terme Inps”, questo il messaggio che cammina sulle gambe delle associazioni ‘Solidarietà Cittadina’ e ‘Il Bullicame’. Domenica la “lunga marcia”, guidata da Franco Marinelli, ha unito passo dopo passo i rugginosi cancelli dello stabilimento di Strada Bagni con la “callara” del Bullicame. Un centinaio di persone si sono unite per dare voce a questa azione di pressione pubblica sull’amministrazione comunale.

L’azione continua, prossima tappa sabato 4 ottobre sotto Palazzo dei Priori. Le associazioni sono interessate a pressare sull’amministrazione Michelini affinché porti avanti scelte coraggiose sul fronte termale, capaci di dare spazio a un pluralismo di realtà impegnate nel comparto.

Nodo centrale la questione acqua. Se non si va a ridurre quella a disposizione di Terme dei Papi difficilmente ci sarà spazio per la rinascita di quelle che sono state le gloriose Terme dei Lavoratori, note in mezza Italia.