Tempo di restauro per la più bella tomba etrusca dipinta di Tarquinia

Tempo di restauro per la più bella tomba etrusca dipinta di Tarquinia

L’intervento è stato reso possibile grazie ai fondi raccolti con il progetto ''Scopri con noi i colori della Tomba Bartoccini'' e dovrebbe concludersi a febbraio 2017.

ADimensione Font+- Stampa

Al via i restauri delle pitture della Tomba Bartoccini, nella Necropoli dei Monterozzi a Tarquinia. I lavori cominceranno nella giornata di questo martedì 20 dicembre.

L’intervento è stato reso possibile grazie ai fondi raccolti con il progetto ”Scopri con noi i colori della Tomba Bartoccini” e dovrebbe concludersi a febbraio 2017.

Un’iniziativa promossa dall”’Associazione Amici delle Tombe Dipinte” e dal Comune di Tarquinia, sotto l’Alta Vigilanza dell’allora Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale.

Il sepolcro, datato intorno al 530-520 a.C., è al momento il più grande ipogeo tarquiniese dipinto di età arcaica. La tomba si distingue dalle altre per una pianta che, per la sua complessità, si può assimilare a una dimora terrena. La decorazione dipinta è di straordinario effetto ornamentale.

La tomba Bartoccini è inoltre nota per l’inusuale presenza di numerosi graffiti, prova indiscutibile della frequentazione dell’ipogeo in età medievale da parte dell’Ordine dei Templari.

Attualmente il sepolcro risulta restaurato nella quasi totalità, a eccezione della camera laterale sinistra. L’Associazione, con i fondi raccolti si accinge a affrontare il restauro della parete di fondo.

Banner
Banner
Banner