Tempi lunghi per i lavori al campo scuola: “Ritardi mettono a rischio la carriera di molti atleti”

Tempi lunghi per i lavori al campo scuola: “Ritardi mettono a rischio la carriera di molti atleti”

Il presidente dell’Atletica Viterbo Giuseppe Misuraca torna a parlare del Campo Scuola, presso il quale la pista continua ad essere interrotta con delle transenne poste all’arrivo che non permettono lo svolgersi con dignità dell’attività sportiva, e torna a denunciare i continui ritardi.

ADimensione Font+- Stampa

“L’atletica di Viterbo paga oggi un prezzo veramente eccessivo per tutti questi ritardi che stanno mettendo a rischio la carriera sportiva di tantissimi atleti”. Il presidente dell’Atletica Viterbo Giuseppe Misuraca torna a parlare del Campo Scuola, presso il quale la pista continua ad essere interrotta con delle transenne poste all’arrivo che non permettono lo svolgersi con dignità dell’attività sportiva, e torna a denunciare i continui ritardi che hanno prolungato di troppo i tempi di intervento del Comune per la ristrutturazione della struttura. Misuraca denuncia anche l’incertezza nel quale versa il mondo sportivo locale, anche a fronte di contraddittorie dichiarazioni da parte di vari esponenti della giunta comunale che in più fasi hanno parlato di tempi diversi per l’inizio dei lavori. Non da ultimo il duo Michelini-Ricci.

“Di qualche giorno fa – scrive Misuraca – la nuova dichiarazione di Michelini sull’inizio dei lavori entro fine marzo 2016, corretta prontamente il giorno successivo dall’assessore Alvaro Ricci” che avrebbe detto che la gara di appalto non partirà prima di giugno. Insomma tempi lunghi. “Non so – commenta amaramente – se si possa a questo punto ancora essere ottimisti ed ipotizzare il completamento del nuovo impianto entro il 2016”.

“L’atletica di Viterbo – conclude Misuraca – paga oggi un prezzo eccessivo per tutti questi ritardi che stanno mettendo a rischio la carriera sportiva di tantissimi atleti, costretti a convivere ormai con problemi ed incidenti muscolari sempre più frequenti, invalidando un lavoro di anni che in alcuni casi, ha prodotto prestazioni e risultati di alto profilo tecnico in ambito nazionale”