Teatro Unione-Atcl, Marini: “Michelini non è il re di Viterbo, rispetti il Consiglio”

Teatro Unione-Atcl, Marini: “Michelini non è il re di Viterbo, rispetti il Consiglio”

L’ipotesi di affidamento del Teatro Unione all’Atcl fa arrabbiare l’opposizione. Per Giulio Marini “Michelini non è il re di Viterbo deve rispettare cosa ha votato il Consiglio comunale”.

ADimensione Font+- Stampa

L’ipotesi di affidamento del Teatro Unione all’Atcl fa arrabbiare l’opposizione. Per Giulio Marini “Michelini non è il re di Viterbo deve rispettare cosa ha votato il Consiglio comunale”.

L’ex sindaco di Viterbo critica le parole di Leonardo Michelini che avrebbe deciso di non fare il bando pubblico e di assegnare la gestione dell’Unione all’Associazione Teatrale tra i Comuni del Lazio. “Con l’approvazione del Dup documento unico di programmazione nelle scorse settimane il Consiglio comunale che è sovrano – ha commentato Giulio Marini a Sbottonati – ha indicato la strada del bando. Il sindaco dice di volerlo far gestire dall’Atcl, ma il Michelini non è il re di Viterbo. Tra l’altro va messo a bando per la trasparenza, ma il problema più importante è che la scelta politica del Consiglio è stata quella di fare un bando. Quindi bisogna fare il bando e il problema è politico perché la scelta amministrativa deve essere consequenziale a quella politica. Michelini non è il re, Il re è il Consiglio comunale”.

Natale Viterbo