Teatro Unione, Michelini a Roma: ipotesi gestione all’Atcl per un anno di sperimentazione

Teatro Unione, Michelini a Roma: ipotesi gestione all’Atcl per un anno di sperimentazione

L’ipotesi di assegnare il teatro all’Atcl è più di una ipotesi. A conferma di ciò il viaggio ieri pomeriggio nella Capitale anche per discutere di come gestire il Teatro dell’Unione riaperto dopo 7 anni di chiusura.

ADimensione Font+- Stampa

Michelini e Delli Iaconi ieri a Roma per parlare del Teatro. L’ipotesi di assegnare il teatro all’Atcl è più di una ipotesi. A conferma di ciò il viaggio ieri pomeriggio nella Capitale anche per discutere di come gestire il Teatro dell’Unione riaperto dopo 7 anni di chiusura.

Il Sindaco e l’assessore alla cultura del Comune di Viterbo stanno trattando con l’Associazione Teatrale dei Comuni del Lazio la possibilità di darlo in gestione. La notizia, già annunciata, ha trovato conferma nella giornata di ieri.

L’ipotesi è quella di affidare il teatro per almeno un anno in via sperimentale ad un organismo partecipato anche dal Comune di Viterbo, espressione della Regione Lazio, per capire i costi e le necessità della struttura. Entro il mese di giugno la decisione finale per poter permettere all’eventuale affidatario, appunto l’Atcl, di lavorare per organizzare una stagione teatrale a partire dal prossimo autunno. Magari anche con il coinvolgimento delle realtà locali. Ma si vedrà.

Banner
Banner
Banner