Teatro Unione, l’assessore Barelli chiede che il Comune inizi a ragionare sulla gestione

Teatro Unione, l’assessore Barelli chiede che il Comune inizi a ragionare sulla gestione

Teatro Unione, il Comune di Viterbo apre la partita della gestione. L'atto formale è segnato dalla lettera inviata dall'assessore al Teatro Giacomo Barelli ai presidenti del consiglio comunale e della quarta commissione Cultura, ai capigruppo e al sindaco Leonardo Michelini.

ADimensione Font+- Stampa

Teatro Unione, il Comune di Viterbo apre la partita della gestione. L’atto formale è segnato dalla lettera inviata dall’assessore al Teatro Giacomo Barelli ai presidenti del consiglio comunale e della quarta commissione Cultura, ai capigruppo e al sindaco Leonardo Michelini.

Lettera che mette nero su bianco un concetto centrale: “Con l’auspicio che i lavori siano completati nei tempi stabiliti diventa di grande attualità la questione sulla futura gestione del Teatro Unione e dell’iter politico-amministrativo da intraprendere per trovare una soluzione in lindea con i tempi previsti per la riapertura e le grandi aspettative che la città nutre in merito. Non è più rinviabile un confronto tra le forze politiche in consiglio per analizzare proposte e problemi, individuando linee guida il più possibile condivise”.

Così l’assessore auspica l’apertura di un dibattito articolato, che possa coinvolgere anche le forze cittadine che a vario titolo possono rappresentare interlocutori importanti per trovare la giusta soluzione alla questione della riapertura dell’Unione.

Il dado è tratto, ora bisogna vedere come inizierà a ruzzolare.