Targhe ai facchini, il logo del Comune sostituito da quello della Banca di Viterbo

Targhe ai facchini, il logo del Comune sostituito da quello della Banca di Viterbo

Sodalizio e Comune di Viterbo sempre più lontani. Il logo di Palazzo dei Priori scompare anche dalle targhe che oggi, durante il tradizionale pranzo sociale, verranno consegnate ai facchini con un certo numero di trasporti sulle spalle.

ADimensione Font+- Stampa

sodalizioSulle targhe da conferire ai facchini con diversi anni di trasporto sulle spalle scompare il logo del Comune di Viterbo. Al suo posto campeggia quello della Banca di Viterbo, che ha sostenuto quasi per intero la relativa spesa. Le targhe in questione saranno consegnate oggi, durante il tradizionale pranzo sociale del Sodalizio.

Questo del 2014, dopo cinquant’anni, non vedrà la presenza degli amministratori di Palazzo dei Priori. Il Comune, che storicamente ha sempre offerto questi incontri, come ringraziamento ai cavalieri di Rosa perché custodi della tradizione del trasporto, deve ancora pagare quello del 2013. Un fatto piuttosto imbarazzante, che si somma anche al mancato bonifico per l’apertura del Museo del Sodalizio. Così, come accadde in epoca Marini (per lo stesso motivo), le porte dello spazio museale di via San Pellegrino restano chiuse.

Lo strappo tra le due realtà cittadine sembra insanabile, anche se non mancano i pontieri che vorrebbero normalizzare la situazione. All’origine del tutto le vicende che hanno portato il Sodalizio a essere escluso dalla commissione che sarà chiamata a decidere la prossima Macchina di Santa Rosa. Vicenda che è stata segnata negativamente dalle dichiarazioni di alcuni esponenti dell’attuale maggioranza, non proprio rispettose verso i facchini.

Il pranzo si svolge in queste ore a Fabrica di Roma, presso Villa Finesterre.