Tajani: “L’Europa si può cambiare, con meno burocrazia e più politica”

Tajani: “L’Europa si può cambiare, con meno burocrazia e più politica”

Il presidente dell'europarlamento Antonio Tajani all’aula magna Unitus a santa Maria in Gradi, di fronte a un nutrito gruppo di studenti.

ADimensione Font+- Stampa

Il presidente dell’europarlamento Antonio Tajani stamani all’aula magna Unitus a Santa Maria in Gradi, di fronte a un nutrito gruppo di studenti è intervenuto sul tema dell’ Europa rispondendo alle domande dei ragazzi.

“Sto dedicando il mio mandato da presidente, al tentativo di ridurre le distanze tra cittadini e istituzioni. Occorre fare in modo che il parlamento, unico organo eletto dai cittadini, faccia contare i cittadini. Per dare buone soluzioni a questi problemi – spiega Tajani – occorre una riforma. Per togliere il potere alla burocrazia e restituirlo alla politica. Se oggi c’è troppa burocrazia, la colpa è della politica, debole e non sufficientemente forte per indicare quale sia il compito, pur importante, della burocrazia”.

Durante l’incontro il presidente Tajani è intervenuto anche sul tema dell’immigrazione . “Serve una politica intelligente – osserva Tajani – per fare integrazione, rinforzando la nostra identità. Altrimenti non sapremo integrare nessuno, perché nessuno ti rispetterà”.

All’Europa guarda con attenzione anche l’Università degli Studi della Tuscia. “Il tema – afferma il rettore Alessandro Ruggieri – è trasversale, una grande sfida che ci attende ogni giorno. A breve, con un finanziamento dell’università, inizierà uno stage formativo a Bruxelles per capire le dinamiche d’attività complesse che riguardano la rappresentanza dei paesi e il sostegno alle imprese”.