Successo per Ciminiere: il progetto di Cantieri d’Arte è stato inaugurato nel weekend

Successo per Ciminiere: il progetto di Cantieri d’Arte è stato inaugurato nel weekend

È stata inaugurata sabato l’opera di Cosimo Veneziano, l’artista portato in residenza nel comune civitonico, grazie all’iniziativa realizzata con il sostegno della Regione Lazio e il patrocinio del Comune di Civita Castellana

ADimensione Font+- Stampa

Grande successo a Civita Castellana per Ciminiere, l’iniziativa di Cantieri d’Arte. nell’ambito dell’Officina Culturale Distretto Creativo.

Presso lo spazio espositivo messo a disposizione da Artceram, sabato un centinaio di persone ha preso visione del lavoro realizzato in seguito ad una serie di incontri con scuole, lavoratori ed ex lavoratori del settore ceramico. Presenti, oltre ai curatori del progetto, anche il vicesindaco e l’assessore alla cultura di Civita Castellana Giancarlo Contessa e Vanessa Losurdo, il funzionario della Regione Lazio Pierluigi Regoli e alcuni studenti del Liceo Artistico Midossi. Studenti che hanno realizzato, insieme al Laboratorio Urbano Quotidiano, una quarta opera, fatta di gif animate, che ha affiancato l’opera Quarto Fuoco di Cosimo Veneziano, che include le sue tre.

Un’opera, quella di Veneziano, che arriva dopo aver osservato il paesaggio fatto di rovine, legate all’industria ceramica per gran parte scomparsa. Rimane una geografia di resti dello slancio economico-produttivo del Novecento, che ha lasciato sul campo strutture abbandonate, implose, che caratterizzano l’idea della fabbrica per le nuove generazioni.

Da un lato quindi gli spolveri delle decorazioni delle stoviglierie, settore quasi scomparso dopo i grandi fasti del passato, realizzate affiancando gli artigiani; poi un video-diario che ha raccontato l’affiancamento a questi artigiani; e un cannocchiale, realizzato con dei sanitari, che puntava dritto sull’insegna del centro commerciale Piazza Marcantoni, “il simbolo della trasformazione del mondo del lavoro locale”. Il centro commerciale infatti ingloba due vecchie ciminiere e simboleggia così il decadimento del settore. I sanitari del cannocchiale, tra l’altro, contengono in sé un’ulteriore provocazione: sono decorati, come se fossero delle stoviglie. Una commistione, simbolo di un destino comune.

“È il simbolo dell’evoluzione della trasformazione della fase del lavoro – ha spiegato il curatore Marco Trulli -. Le ciminiere hanno dato senso al progetto. Il cannocchiale serve per guardare alla storia del lavoro”. Quanto alle decorazioni delle stoviglierie. “Abbiamo raccontato la gestualità del lavoro, perché è così che Veneziano lavora”. “Ho scelto questo luogo – ha spiegato Veneziano – perché è fondamentale per questo percorso: dialoga con il centro commerciale. Non abbiamo lavorato sui manufatti, ma sul gesto del lavoro e così abbiamo utilizzati gli spolveri e non le opere”. “Anche l’arte – ha aggiunto Regoli – fa parte della salute, rende più profonde le cose che facciamo”.

Ferdinando Vaselli ha invece spiegato il progetto di Storie di Lavoro, una certezza del territorio realizzata dall’officina cultura del distretto creativo della Regione Lazio, che promuove questa iniziativa. “Contento – ha detto – della collaborazione tra amministrazione, imprenditori, maestranze, scuole, artisti ed artigiani”. Soddisfazione anche per gli amministratori comunali civitonici che sono intervenuti per ringraziare gli organizzatori.

Il progetto è stato ideato da Cantieri d’Arte e Associazione Culturale Percorsi (Circolo ARCI), in collaborazione con Laboratorio Urbano Quotidiano, Museo della Ceramica Marcantoni e SIAT Servizi e con le Fabbriche Artceram, Flaminia. Cantieri d’Arte è realizzato nell’ambito del programma di azioni di arte pubblica La Ville Ouverte e del network BJCEM – Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo.

Apertura. La mostra, presso Artceram, ex chiesa dei Cappuccini, via Monsignore F. Tenderini  5 Civita Castellana, rimarrà aperta dal 9 al 17 Aprile 2016. Apertura su appuntamento. Info e prenotazioni:  [email protected] \ 3939097166 \ [email protected] \ artecantieri.blogspot.it.

Le foto di ©Lucaevent

 

 

Decarta racconta la Tuscia