Studenti in piazza: “Servono investimenti sulle nuove generazioni e sulle scuole”

Studenti in piazza: “Servono investimenti sulle nuove generazioni e sulle scuole”

Oggi la Rete degli Studenti Medi di Viterbo è scesa in piazza per manifestare contro le diseguaglianze e le precarietà delle nuove generazioni in occasione della mobilitazione nazionale "C'entro anch'io! - Voci di una generazione precaria".

ADimensione Font+- Stampa

Oggi la Rete degli Studenti Medi di Viterbo è scesa in piazza per manifestare contro le diseguaglianze e le precarietà delle nuove generazioni in occasione della mobilitazione nazionale “C’entro anch’io! – Voci di una generazione precaria”.

Gli studenti della provincia si sono riuniti in Piazza Unità d’Italia questa mattina a Viterbo per discutere delle problematiche che accomunano i giovani dentro e fuori le scuole. Il messaggio lanciato è una risposta alle tante ingiustizie sociali, alla mancanza di tutele e di diritti, per i cittadini e gli studenti, alla mancanza di un welfare studentesco, in particolare in riferimento al trasporto pubblico, al caro libri, all’edilizia scolastica ma anche al sistema d’istruzione in generale che spesso risulta escludente e non inclusivo.

“La risposta per una scuola diversa c’è ed è una scuola in cui gli studenti siano protagonisti e soggetti attivi delle loro scelte e delle loro vite. La risposta è esprimersi nelle proprie posizioni, affinché le istituzioni facciano investimenti importanti sulle nuove generazioni e sulle scuole. E’ solo così che si può costruire una società del domani in cui tutti abbiamo le stesse possibilità, in cui non venga negato il diritto alla studio e al lavoro”, così la Rete degli Studenti Medi di Viterbo.

Decarta racconta la Tuscia