Strade provinciali, contro la velocità arrivano i tutor. I viterbesi: “Non bastavano le buche?”

Strade provinciali, contro la velocità arrivano i tutor. I viterbesi: “Non bastavano le buche?”

Contro l'alta velocità sulle strade provinciali arrivano i tutor. Saranno istallati sulla Nepesina, Verentana, Cimina, Tuscanese e Teverina. Un appalto da 3,8 milioni di euro in tre anni, rinnovabile per ulteriori due.

ADimensione Font+- Stampa

Per il controllo della velocità sulle strade provinciali c’è una novità: arrivano i tutor. La Provincia di Viterbo sta per indire una gara d’appalto per il valore di 3,8 milioni di euro in tre anni, più eventuali altri due. Gara che prevede l’istallazione su cinque strade provinciali di questo particolare sistema di rilevamento della velocità.

La scorsa settimana ne è stato già testato, in via sperimentale, uno sulla Nepesina. L’attivazione dello stesso è prevista nei prossimi giorni. A gestirlo un associazione temporanea d’impresa tra due realtà romane operative nel settore. Ati che parteciperà all’appalto per l’istallazione anche degli altri 4 in strada Cimina, Verentana, Tuscanese e Teverina.

I tutor sono strumenti che funzionano con la messa in azione di due punti, a distanza di qualche chilometro l’uno dall’altro, di rilevamento della velocità. Quando un mezzo passa attraverso un varco viene registrata la velocità e la stessa cosa viene registrata al passaggio nel secondo punto. Quindi viene calcolata la media e si riscontra se il mezzo ha infranto o meno il limite di velocità vigente.

Un sistema per migliorare la sicurezza stradale anche se su molte strade provinciali svolgono bene la funzione di dissuasori dell’alta velocità le buche e le condizioni indecenti in cui versano. Ed è proprio questo il commento più gettonato dai viterbesi sui social al diffondersi, in queste ore, della notizia riportata stamani dal Messaggero. Il sistema del controllo e delle multe è a carico di chi si aggiudicherà la gara, mentre gli incassi finiranno nelle casse di Palazzo Gentili.