Strada Ponte Sodo, un morto dopo otto giorni dall’apertura. Pioggia di critiche

Strada Ponte Sodo, un morto dopo otto giorni dall’apertura. Pioggia di critiche

E tutti possono constatare un fatto: è stato realizzato un incrocio a raso su una curva. Nell'incidente ha perso la vita un uomo di 47 anni F.M., residente a Roma, e sono rimasti gravemente feriti altre due persone: A.T. Di 77 anni e la moglie F.C. Di 73, residenti da tempo a Viterbo ma originari del Crotonese.

ADimensione Font+- Stampa

Strada Ponte Sodo, aperta da otto giorni e un morto. Tragica fatalità? Chi di dovere accerterà il tutto. I fatti dicono che stamattina, intorno a mezzogiorno, si è registrato un frontale tra due auto.

E tutti possono constatare un fatto: è stato realizzato un incrocio a raso su una curva. Nell’incidente ha perso la vita un uomo di 47 anni F.M., residente a Roma, e sono rimasti gravemente feriti altre due persone: A.T. Di 77 anni e la moglie F.C. Di 73, residenti da tempo a Viterbo ma originari del Crotonese.

Un impatto tremendo tra una Ford grigia e una Peugeot nera. Sul posto anche un testimone, che ha aiutato a ricostruire la dinamica dell’accaduto. L’avvenimento ha fatto parlare molto in città nelle ultime ore. “Come volevasi dimostrare”, “una tragedia annunciata”. Questi i commenti più gettonati.

Pesante l’intervento sui social del presidente di Viterbo Civica Lucio Matteucci che ricorda quanto ebbe modo a commentare il giorno dell’inaugurazione (12 aprile scorso): “Questa strada è importantissima. Di fatti l’allora assessore Giovanni Arena ci fece mille battaglie per la sua realizzazione. Peccato che rimane un mistero come si sia potuto permettere di farla sbucare in quella pericolosissima posizione quando l’uscita naturale e in piena sicurezza era dieci metri più avanti. Mentre stavamo lì (al taglio del nastro n.d.r) quasi tutte le macchine tagliavano dritte dritte sopra lo stop che permette a chi viene da Vetralla di entrare dentro Viterbo. Speriamo di no ma prevedo incidenti a breve. Io ho provato a passarci con la macchina e mi pareva un suicidio”.

Effettivamente da tempo diversi lettori ci hanno segnalato la pericolosità del tratto di strada in questione.

  • pascal91

    Madre mia, ma come si fa, da far gelare il sangue

  • Luigi Tozzi

    Il progetto è stato approvato da qualcuno..quindi si sa di chi è la colpa della sua realizzazione (non della morte di quel poveraccio ovviamente).
    Non resta che mettere due postazioni fisse autovelox nei due sensi..magari funzionanti.