Sos a Santa Barbara per giardini e aiuole sepolti dalle erbacce, degrado si strade e marciapiedi

Sos a Santa Barbara per giardini e aiuole sepolti dalle erbacce, degrado si strade e marciapiedi

"Con le prime giornate di caldo, le erbacce a Santa Barbara sono diventate talmente rigogliose da infestare tutti gli spazi verdi del vasto quartiere, limitando l’uso delle panchine dei giardinetti e delle attrezzature adibite a giochi per bambini, per non parlare poi della stessa percorribilità dei marciapiedi, ormai semi nascosti dalla vegetazione che si estende indisturbata su di essi quale conseguenza della mancanza di manutenzione e pulizia - così Roberto Talotta, per il Direttivo Comunale di FondAzione -".

ADimensione Font+- Stampa

“Con le prime giornate di caldo, le erbacce a Santa Barbara sono diventate talmente rigogliose da infestare tutti gli spazi verdi del vasto quartiere, limitando l’uso delle panchine dei giardinetti e delle attrezzature adibite a giochi per bambini, per non parlare poi della stessa percorribilità dei marciapiedi, ormai semi nascosti dalla vegetazione che si estende indisturbata su di essi quale conseguenza della mancanza di manutenzione e pulizia – così Roberto Talotta, per il Direttivo Comunale di FondAzione -.

Chi sperava in un sussulto di orgoglio e di efficienza dell’Amministrazione Michelini per chiudere con decenza politica un periodo di “gestione della città” davvero singolare, che tanti ricorderanno per la negligenza e l’immobilità dimostrate dagli eletti a Palazzo dei Priori che avevano promesso una Viterbo all’altezza della sua gloriosa storia, rimarrà ancora una volta deluso e indignato e, così, i residenti di Santa Barbara, dopo essere stati presi in giro dalla vergognosa questione della scuola e della palestra, praticamente terminate ma che, al momento, restano inagibili, percepiscono sulla propria pelle lo stato di abbandono in cui versa il quartiere anche in prossimità di un periodo elettorale, come quello del 10 giugno prossimo per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale che, come vuole l’usanza, doveva presentare una politica più vicina alle esigenze dei cittadini al fine di sperare maggiori consensi per le proprie liste e per i propri candidati.

Di certo, gli abitanti di Santa Barbara avranno modo di valutare questi ultimi 5 anni, forse i più decadenti e inconcepibili per i tanti problemi creati, mai affrontati e mai risolti, alla faccia delle numerose proteste dei cittadini esasperati perché vivono quotidianamente ostacoli e limitazioni, come le strade dissestate, una viabilità scriteriata, l’incapacità di garantire un minimo di sicurezza, di sviluppo, persino l’assenza di uno sportello bancomat e di tante altre prerogative vitali per una zona della città così particolare e popolata”.