Smeriglio: “Consorzio Biblioteche di Viterbo, realtà straordinaria che vorremmo mettere nella rete degli hub culturali della Regione Lazio”

Smeriglio: “Consorzio Biblioteche di Viterbo, realtà straordinaria che vorremmo mettere nella rete degli hub culturali della Regione Lazio”

"Il Consorzio Biblioteche di Viterbo è una realtà straordinaria". Così il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio. La sottolineatura, importante per il territorio e che premia le intuizioni e il lavoro del commissario Paolo Pelliccia e del suo staff, è arrivata ieri. Nel corso della conferenza stampa di lancio dei candidati della Lista Civica Zingaretti Presidente. 

ADimensione Font+- Stampa

“Il Consorzio Biblioteche di Viterbo è una realtà straordinaria”. Così il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio. La sottolineatura, importante per il territorio e che premia le intuizioni e il lavoro del commissario Paolo Pelliccia e del suo staff, è arrivata ieri. Nel corso della conferenza stampa di lancio dei candidati della Lista Civica Zingaretti Presidente. 

Smeriglio si è soffermato sull’importanza della cultura per le comunità. E ha lanciato una prospettiva: “Vorremo mettere il Consorzio Biblioteche dentro la rete degli hub culturali della Regione Lazio”. Una prospettiva importate, che aprirebbe un mondo.

La Fune ha contattato il commissario Pelliccia per avere un commento sulla dichiarazione di Smeriglio. “Sono contento – le parole di Pelliccia -. E’ una decisione di cui non so niente e che mi rende felice. Mi fa felice perché metterebbe in sicurezza tutto il sistema della cultura nella nostra provincia. Vuol dire che posso lasciare con tranquillità questo incarico che ricopro da anni con passione e determinazione. La prospettiva di inserire le biblioteche nella rete degli hub culturali è preziosa e sarebbe un grande traguardo. Ringrazio Smeriglio e ringrazio tutto il personale che ha lavorato e lavora duramente per garantire sul nostro territorio un importante servizio culturale”. 

Decarta racconta la Tuscia