Sergio Pirozzi il 9 novembre a Viterbo per ‘La scossa dello scarpone’

Sergio Pirozzi il 9 novembre a Viterbo per ‘La scossa dello scarpone’

Sergio Pirozzi a Viterbo giovedì 9 novembre. La notizia ha iniziato a circolare da qualche giorno negli ambienti dei bene informati. E' atteso l'arrivo del sindaco di Amatrice per la presentazione del suo libro 'La scossa dello scarpone' alle Terme dei Papi.

ADimensione Font+- Stampa

Sergio Pirozzi a Viterbo giovedì 9 novembre. La notizia ha iniziato a circolare da qualche giorno negli ambienti dei bene informati. E’ atteso l’arrivo del sindaco di Amatrice per la presentazione del suo libro ‘La scossa dello scarpone’ alle Terme dei Papi.

Un evento importante, perché Pirozzi oltre a essere personaggio molto amato è anche visto come possibile leader di una coalizione civica sostenuta dai partiti di centrodestra per le prossime regionali del Lazio.

Questione tenuta sotto azoto liquido in attesa dell’esito del voto in Sicilia, che si svolge nella giornata di domani. Quindi quando Pirozzi sarà a Viterbo il quadro sulla candidatura a presidente della Regione Lazio avrà avuto ulteriori sviluppi.

Sta di fatto che proprio Pirozzi sembra poter essere l’unico candidato che, se appoggiato dai partiti di centrodestra, potrebbe battere il fortissimo Nicola Zingaretti. Un Nicola Zingaretti che tiene bene nei sondaggi e che potrebbe riuscire a tenere fuori dal voto regionale la fragilità del Partito Democratico.

Pirozzi viene per presentare il suo libro. Ma di fatto sta girando ed è destinato a girare il Lazio in lungo e in largo proprio per questo motivo. Un libro che parla delle vite di Pirozzi. Sul campo da calcio come difensore, poi coach ruvido e carismatico, quindi sindaco di Amatrice.

Ma non solo il terremoto. Le sue battaglie sono state tante e Pirozzi ha un po’ l’aspetto del gladiatore. L’aspetto di chi piace alla gente perché le persone lo percepiscono vicino ai loro problemi, alle proprie prospettive. Pirozzi ad Amatrice ha combattuto per difendere l’ospedale e il liceo dalla chiusura.

Ha dato battaglia per tutelare l’Amatriciana dalle cattive imitazioni. Quanto di lui è stato visto durante il terremoto è solo un pezzetto. Lo viene a raccontare a Viterbo. Viene a raccontare la fondazione e la guida dell’associazione dei Comuni dimenticati, perché via via spogliati dai servizi pubblici in ossequio alla logica dei numeri e dei conti. Isolamento, spopolamento, perdita di identità. Argomenti di politica vera, politica solida. Presenta un libro e si racconta Pirozzi, in attesa che i tempi maturino.