Se questo è un politico. Ciucciarelli è il Borghezio della Tuscia

Se questo è un politico. Ciucciarelli è il Borghezio della Tuscia

ADimensione Font+- Stampa

ciucciarelli“Ce fate ‘na pippa. Roma sarà il vostro cimitero, non prima di avervi cucito ciascuno di voi in un ventre di porco“, firmato Umberto Ciucciarelli. L’uomo più in vista dell’Unione della Tuscia, movimento politico aggregatosi alla galassia salviniana, si sta distinguendo in questi giorni per una vera e propria campagna social contro i musulmani.

La frase di apertura fa da corollario a un video dell’Isis dove i terroristi minacciano attentati a Roma. Ma per Ciucciarelli Isis e islam sembrano essere la stessa cosa, sull’onda del motto “padroni a casa nostra”.

E il pensiero viene espresso con chiarezza in altri post facebook tipo questo: “Non esiste alcuno screening per stabilire “a vista” quale sia l’islamico da cui non temere atti di vigliaccheria. Per questo ho imparato a non fidarmi di nessuno di loro.
Specialmente di quelli che oggi fanno le pecore, proclamando pace, collaborazione e preghiera comune. Anche e soprattutto alla luce del fatto che da nessuno di loro è mai arrivata alcuna delazione riguardante elementi potenzialmente pericolosi”.

Considerando che i paesi di religione islamica stanno combattendo al loro interno i terroristi dell’Isis che cercano di dilaniare i loro stati e che in primis l’Isis è in guerra proprio su territori musulmani e contro i musulmani, l’affermazione di Ciucciarelli è piuttosto bizzarra.

Ma ritornando alla frase iniziale la cosa che colpisce è lo spregio e la volontà di voler offendere l’islam tirando in ballo la colorita immagine di “cucirli nel ventre dei porci”. Al di là della posizione è proprio lo stile utilizzato che risulta devastante, come se si ritenesse opportuno fomentare uno scontro di religione. Ora la domanda che ci siamo fatti è “se questo è un politico”. Il riferimento al libro di Primo Levi è chiaro. 

In questi anni di profonda crisi e disperazione diffusa bisogna rimanere indifferenti a chi aspirerebbe a ricoprire cariche politiche partendo da certi presupposti? Secondo noi no, anzi certi comportamenti andrebbero isolati e smascherati.

Unione della Tuscia non ci fa certo una bella figura a essere rappresentata da chi dichiara certe cose, da chi mostra una capacità d’analisi della realtà alquanto bizzarra e sopra le righe. Da chi dimostra di conoscere poco o per nulla il contesto storico e culturale in cui si colloca quello di cui parla. In questi ultimi giorni, con la vicenda di Parigi, è venuto fuori un Ciucciarelli come Borghezio.

E’ veramente questa la risposta alla cattiva politica o è piuttosto un’ulteriore degenerazione?