Scuola di Villanova: “non chiudetela”

Scuola di Villanova: “non chiudetela”

La scelta è tra una scuola costosa (l'affitto costa al Comune 70.000€ annui) con barriere architettoniche e lo spostamento in un altro quartiere di più di 100 bambini. La raccolta firme di Viterbo2020 e le proteste dei presidenti degli Istituti Comprensivi e dei genitori.

ADimensione Font+- Stampa

Dimensionamento scolastico, Villanova a rischio: “non chiudete quella scuola”. La protesta è dei presidenti dei Consigli d’Istituto (del Fantappiè, Canevari, Egidi, Vanni, Ellera e Pio Fedi) e dei genitori degli alunni del quartiere. Nonostante l’assessore comunale alla scuola Raffaella Valeri abbia comunicato la sospensione del piano per il 2015\2016 in attesa di un confronto più ampio, prosegue comunque la raccolta firme promossa da Viterbo 2020.

La proposta di nuovo dimensionamento scolastico proposto da Raffaella Valeri prevederebbe la chiusura del trentennale istituto facente parte dell’Istituto Comprensivo Pietro Egidi, con spostamento degli alunni al Pilastro. Una struttura negli anni scorsi finita sotto la lente di ingrandimento, per il costo dell’affitto che il Comune paga alla proprietà dell’edificio, che ammonterebbe a circa 70.000€ annui, una cifre che potrebbe essere destinata ad un mutuo per la costruzione di una struttura nuova.

Qualcuno negli anni scorsi lamentò anche la presenza nelle vicinanze di tettoie in eternit in pessimo stato, problema poi risolto, e giusto un anno fa dalle pagine de Il Messaggero una famiglia si lamentò delle barriere architettoniche che non permettevano a uno studente di iscriversi nell’Istituto.  Nonostante questo l’idea di costruire una nuova scuola è una pista che non scalda i cuori dei presidenti dei Consigli d’Istituto, convinti che non si possa modificare il “presente, sicuramente imperfetto, su ipotesi future fortemente aleatorie”.

 

La raccolta firme:

Lunedì 27 ore 7.50-9.30 presso il Caffè Villanova;

martedì 28 ore 7.50-9.15 di fronte alla scuola dell’infanzia;

giovedì 30 ore 7.50-8.20 di fronte alla scuola dell’infanzia;

venerdì 31 ore 14.30-19.30 presso il Caffè Villanova;

domenica 02 novembre ore 09-12.30 di fronte alla Chiesa di Villanova