Sberna: “un piano per la sicurezza e telecamere in periferia”

Sberna: “un piano per la sicurezza e telecamere in periferia”

La richiesta della consigliera all’Amministrazione comunale in seguito a un’aggressione con coltello, a scopo di borseggio, compiuta ai danni di una donna titolare di negozio.

ADimensione Font+- Stampa

Il consigliere di Forza Italia Antonella Sberna chiede di aumentare le misure di sicurezza in seguito ad una aggressione ricevuta da una commerciale. “Individuare tre o quattro zone periferiche della città in cui installare telecamere ad alta definizione”. È questa la richiesta della consigliera comunale Sberna all’Amministrazione comunale in seguito a un’aggressione con coltello, a scopo di borseggio, compiuta ai danni di una donna titolare di negozio. L’episodio è avvenuto ieri sera nel triangolo compreso tra via Garbini e la zona commerciale del Riello.

“La questione sicurezza, mai seriamente affrontata, deve essere tra le tematiche su cui il Comune deve porre massima attenzione. Zone sinora considerate relativamente tranquille, forse per l’aggravarsi della crisi, possono rivelarsi a rischio sicurezza. Per evitare potenziali pericoli per l’incolumità dei cittadini propongo all’Amministrazione l’installazione di telecamere ad alta definizione in alcune zone periferiche della città”.

“Sarebbe anche opportuno un urgente intervento di bonifica ai giardini, siti nella zona in cui è avvenuto l’episodio criminoso, per eliminare il vergognoso stato di degrado in cui versano”. Antonella Sberna conclude l’intervento con un ringraziamento agli uomini delle Forze dell’ordine – Polizia e Carabinieri – e della Polizia locale per il loro pronto e immediato intervento e al personale dell’Ares 118 che ha assistito la commerciante.