‘Save-as’, giovani più sicuri alla guida

‘Save-as’, giovani più sicuri alla guida

L'esperienza ti salva, forse deve essere stata questa l'idea alla base del progetto 'Save-as'. Un lavoro dell'associazione Juppiter, in collaborazione con le Politiche Giovanili del Comune di Viterbo e con il sostegno della Regione Lazio.

ADimensione Font+- Stampa

save as 02Metti gli esperti di guida sicura dell’autodromo di Magione, aggiungi gli studenti del complesso scolastico J.J. Rousseau di Viterbo e una pista di prova a largo Iginio Garbini. Questo è ‘Save-as, giovani sicuri’, il progetto – finanziato dall’assessorato Infrastrutture Ambiente e Politiche Abitative della Regione Lazio – svolto dall’associazione giovanile di promozione sociale Juppiter, in collaborazione con il Comune di Viterbo. L’iniziativa infatti ha visto il coinvolgimento del delegato alle Politiche Giovanili Alessandra Troncarelli.

Al centro l’educazione dei ragazzi alla sicurezza stradale e a un corretto uso dell’automobile. ‘Save-as’ è strutturato in due attività distinte. La prima fase ha coinvolto attivamente alcuni giovani viterbesi nella creazione e nella realizzazione di una campagna pubblicitaria di sensibilizzazione rivolta ai loro coetanei. Campagna che farà sentire la sua presenza in città proprio in queste ore.

La seconda attività invece, che si è tenuta nella mattina di mercoledì,  ha portato i ragazzi del Rousseau a conoscere i rischi di una guida sconsiderata affrontandola praticamente.

Tutto è iniziato con una lezione tenuta nell’aula magna dell’istituto. Subito dopo la prova su strada. Slalom tra i birilli, prove di frenata con Abs attivo e senza e uno slalom veloce. Ogni momento si è svolto sotto la supervisione degli esperti dell’autodromo di Magione e ha rappresentato un’occasione importante per i ragazzi di conoscere il codice della strada e i rischi che si possono correre da un cattivo uso delle automobili.

 

.