Sassaiola sul camper dei senza tetto

Sassaiola sul camper dei senza tetto

Una storia surreale dove c'è un camper parcheggiato sulle strisce blu senza pagare la sosta e senza che nessuno faccia nulla. Poi l'evidenza mediatica del fatto e la sassaiola sul mezzo.

ADimensione Font+- Stampa

camper rottoUna sassaiola ha sfondato i vetri di un camper in sosta nel parcheggio dell’ex pesa, davanti a Prato Giardino. Ma la notizia non è questa. La cosa interessante è la storia di questo mezzo, almeno la storia degli ultimi mesi. Per qualcuno addirittura anni. Infatti, sembra che il camper sia fermo all’interno del parcheggio a pagamento (ma non più custodito ormai da diversi anni) da tempo immemore. Lo testimonierebbero diverse foto scattate in periodi diversi da alcuni cittadini e le parole di chi la zona la frequenta.

Si tratta di un camper che fa da letto a una coppia di senza tetto e finito sotto l’attenzione pubblica nei giorni scorsi. La pietra dello “scandalo” un post facebook che denunciava, giustamente, l’assurdo di un mezzo in sosta perenne senza pagare ticket nello stesso luogo dove ogni giorno decine di viterbesi e turisti pagano. 

Ma del camper pare non se ne sia mai accorto nessuno, nemmeno chi è chiamato a vigilare sull’area. Le foto pubblicate su facebook hanno fatto un bel rumore e nella notte di ieri qualche pazzo scatenato ha pensato bene di prendere a sassate il mezzo. A breve, da quello che è trapelato, le autorità competenti provvederanno a rimuoverlo.

Rimaniamo con tante domande: perché nessuno di competenza ha mai segnalato quella strana presenza? Perché nessuno sembra essersi interessato alla storia delle persone che lo abitavano? Perché, pur sostando all’interno di strisce blu e senza pagare il ticket, nessuno lo ha multato? Perché solo dopo il risalto mediatico, dato dai social network, il problema viene affrontato? Tanti perché e una sassaiola inquietante, che sembra andare a braccetto con certe tensioni emerse nelle ultime settimane in alcuni quartieri. 

L’errore? Di chi dovrebbe controllare sul territorio, garantire regole uguali per tutti e il rispetto delle stesse. Incommentabile invece il gesto della sassaiola.

  • Hunter McCoy

    E ancora: perché avviene una sassaiola SUBITO dopo che un personaggio di spicco della Viterbo (politicamente) impegnata lo ha fatto notare su Facebook con un post dai toni a dir poco accesi.
    E poi: perché quel post – hoketi poketi – è sparito d’emblée?
    Forse il personaggio che da tempo ha candidamente ammesso di voler assurgere agli scranni di Palazzo dei Priori adesso gode del carisma politico necessario?
    Aldilà delle giuste osservazioni mosse nei confronti del redivivo camper e della relativa occupazione delle strisce blu, la vicenda assume dei contorni inquietanti…

  • Lucio Matteù

    Sig. Hunter … Io condanno fortemente e con sdegno il gesto dell’imbecille che ha tirato i sassi…. Guarda caso appena abbiamo annunciato che l’assessore Ricci si era impegnato a farlo rimuovere sono arrivate le sassate… Chiaro il gesto di infangare chi ha fatto la denuncia facendolo passare per “fumentatore di folle”. Per sua informazione il post è ancora al suo posto. Poi. Visto che si riferisce alla mia persona, ora lei mi e ci spiega (oltre a darmi una mezza stracciata prova) dove io “candidamente” avrei detto di voler entrare in politica e addirittura “voler assurgere agli scranni di palazzo dei Priori” … Anche qui le dico subito che è dal 1992 che faccio volontariato e di pari passo mi dicono che entro in politica…. mentre viceversa non ci ho mai messo piede… La sfido a trovare una mia mezza candidatura in qualche partito.. E dalla mia persona hanno preso tantissime critiche quelli di destra, sinistra, centro e finti civici. Grazie almeno di aver riconosciuto la giusta osservazione dell’occupazione abusiva delle strisce blu..
    Cmq mi chiamo Matteucci Lucio.

    • piff

      io non credo ai “complotti” o alla macchina del fango in questi casi…
      credo però, come da discussione pubblica avuta con Santucci, che ogni parola o tono della normale dialettica politica possa essere interpretato dalle menti semplici come una sorta di “autorizzazione” a fare questo o quello…

      non ne faccio una colpa nello specifico, ma inviterei a riflettere sul più grosso lascito del ventennio del nulla (spettacolarizzazione e svuotamento della politica, in poche parole), in quanto pericolosissimo in tempi di ristrettezze mentali

    • Hunter McCoy

      Come si dice dalle mie parti: “senza una smentita, abbiamo una conferma”. Il “candidamente” era, giocoforza, una provocazione ma per le indiscrezioni su eventuali sue candidature bisognerebbe chiedere al blog dei pettegolezzi, cioè quel Viterbopost cui fa capo niente popo di meno che ‘l Sassi in persona, il quale con la sua propaggine Areniana ha più volte ipotizzato un suo ingresso in politica.
      Per il resto, nulla contro il suo operato. Ho solo obiettato che – forse per via di una anacronistica coincidenza – ad osservazione corrisponde azione.

  • Giancarlo Paglia

    Però è bello vedere che ci sono lettori anche dall’estero. Un caro saluto al sig. Hunter McCoy. Dalla Scozia? Dall’America? O magari non è il vero nome?

    • Hunter McCoy

      No, mio caro Paglia. Non è il mio vero nome ma a volte è meglio celarsi dietro mentite spoglie per raccontare certi strani paradossi…

      • Giancarlo Paglia

        Rispetto la Sua scelta. Io invece preferisco firmarmi con nome e cognome ed eventualmente rispondere delle mie parole o delle mie azioni. Forse non mi renderà più credibile,ma sicuramente più onesto nel rispetto altrui. Presto poca attenzione a chi si nasconde nell’ombra. Ma questo è e resterà un mio problema. Saluti.

        • Hunter McCoy

          Rispondere delle proprie parole in uno stato dove un blogger rischia la denuncia se pubblica una verità che ad un politico non piace? No…
          Io di castronerie non ne dico ed ho imparato che in terra viterbicola (ma ragioniamo pure su larga scala) se dici verità scottanti vieni estromesso. Vede: tra gli amici del Matteucci, hai voglia quanti hanno pensato quello che ho pensato io.

  • vanessa

    La pietra dello scandalo, forse istigazione a farlo attraverso facebook senza regole?