Santucci: “Stanno preparando la più grande speculazione edilizia nella storia di Viterbo”

Santucci: “Stanno preparando la più grande speculazione edilizia nella storia di Viterbo”

Il consigliere comunale di Fondazione Gianmaria Santucci non usa mezze misure e lancia l’allarme sul piano di alienazioni e valorizzazione proposto dalla Giunta alla seconda Commissione, della quale oggi è in programma una seduta che si preannuncia infuocata.

ADimensione Font+- Stampa

“Si sta preparando la più grossa speculazione edilizia nella storia di Viterbo”. Il consigliere comunale di Fondazione Gianmaria Santucci non usa mezze misure e lancia l’allarme sul piano di alienazioni e valorizzazione proposto dalla Giunta alla seconda Commissione, della quale oggi è in programma una seduta che si preannuncia infuocata. L’oggetto del contendere e il possibile cambio di destinazione di un’area di almeno 35 ettari in zona Cassia sud, dove c’è lo svincolo della superstrada. Dove qualche mese fa è stato autorizzato il centro termale del Paliano.

“Da un lato – spiega Gianmaria Santucci – questa amministrazione ha già autorizzato il più grande impianto termale con residenze annesse, dall’altro lato vuole autorizzare la più grande speculazione edilizia della storia con un centro commerciale di 15.000mq. Laggiù vogliono fare una Viterbo Due, chiedendo di votarlo senza avere un progetto, quindi in bianco. E nessuno si scandalizza, perché è più importante chi sia il numero 2 nella lista di Renzi per le primarie. Chi ci porterà i servizi? Lì – dice Santucci – non c’è acqua, non ci sono fogne, né illuminazione. Vogliono fare una seconda città, ma senza un progetto. Stiamo autorizzando un privato, che non si sa chi sia, ma probabilmente già se lo sono immaginati, a costruire una città al di fuori di ogni programmazione. Già – ancora Santucci – paghiamo gli interventi sulla Cassia Nord che hanno imbalsamato il traffico, ora lo facciamo anche a sud. Un consumo del territorio senza precedenti: con 18 ettari di cemento su un’area interessata di 36 per un totale di 15.000mq di negozi. Si prepara – insiste il consigliere – una speculazione incredibile. Sicuramente c’è qualcuno che sta già pensando di accaparrarsi quei terreni che oggi sono agricoli e valgono 20.000€ a ettaro e che domani possono essere venduti a più di 100.000€. E mi dicono che sta già accadendo. La cosa assurda – conclude – è che con la stessa pratica vogliono bocciare la proposta di una parrocchia, la Don Alceste Grandori alla Grotticella, di fare un campo sportivo su un terreno comunale. Sindaco e Vice sono contrari per la ritengono una speculazione. Quella sì, invece quella che preparano sulla Cassia sud, no?”

Natale Viterbo