Santucci replica a Delli Iaconi: “Per la cultura non si spende l’1%, ma il 2,2”

Santucci replica a Delli Iaconi: “Per la cultura non si spende l’1%, ma il 2,2”

A prendere di petto l’assessore Delli Iaconi è stato il consigliere di Fondazione Gianmaria Santucci che ha sottolineato come in realtà la percentuale dedicata alle iniziative culturali sarebbe del 2,2% pari a circa 1,7 milioni di euro.

ADimensione Font+- Stampa

Santucci e De Dominicis rispondono al pianto greco dell’assessore Delli Iaconi sui fondi per la cultura: “Non si spende l’1% della spesa corrente, ma il 2,2”. Durante la discussione sul bilancio consuntivo andata in scena ieri pomeriggio, si è parlato delle dichiarazioni rilasciate durante la conferenza stampa di presentazione della rassegna cinematografica “Immagini dal sud del mondo” realizzata da Aucs, dall’assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi.

L’assessore aveva lamentato (qui) la necessità di doversi battere per ottenere l’1% della spesa corrente per la cultura. Una cifra che si aggirerebbe dunque intorno ai 600mila euro, stando al fatto che il bilancio del Comune di Viterbo prevede circa 60 milioni di Euro di spesa corrente. Il calcolo in realtà non è semplice, ma i dati sarebbero diversi.

Secondo quanto riportato dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gianluca De Dominicis, che non ha fatto riferimento alle dichiarazioni di Delli Iaconi, infatti i soldi destinati alla cultura sarebbero molti di più: quasi il doppio. De Dominicis infatti ha sottolineato il fatto che la spesa per la cultura è aumentata da 1,6 milioni di Euro previsti nel bilancio previsionale a più di 1,7 milioni nel bilancio consuntivo.

A prendere di petto l’assessore Delli Iaconi è stato poi il consigliere di Fondazione Gianmaria Santucci che ha sottolineato come in realtà la percentuale dedicata alle iniziative culturali sarebbe del 2,2%. Più del doppio rispetto all’1% lamentato da Delli Iaconi, che scuoteva la teste mentre Santucci citava questi dati. Un dato che si avvicinerebbe dunque a quelle realtà citate dall’assessore che aveva parlato di una media del 2,5\3% per i Comuni che ambivano a diventare Capitale della Cultura.

 

Decarta racconta la Tuscia