Santucci: “La politica ha intriso la sanità e ha portato i medici a schierarsi in ogni elezione”

Santucci: “La politica ha intriso la sanità e ha portato i medici a schierarsi in ogni elezione”

Quello della sanità nel Viterbese è un tema in salsa chili. Piccante, per i non esperti di roba messicana. Tanto che la trasmissione di Rete 4 Quinta Colonna ha svolto una diretta da Viterbo in una puntata proprio sulla mala sanità.

ADimensione Font+- Stampa

Quello della sanità nel Viterbese è un tema in salsa chili. Piccante, per i non esperti di roba messicana. Tanto che la trasmissione di Rete 4 Quinta Colonna ha svolto una diretta da Viterbo in una puntata proprio sulla mala sanità. Al collegamento ha partecipato anche il consigliere comunale di Fondazione Gianmaria Santucci. Ha dipinto a tinte fosche la situazione viterbese, tanto che il conduttore Paolo Del Debbio ha stigmatizzato: “Non vi siete fatti mancare niente”. Siamo andati a intervistare Santucci per approfondire l’argomento.

 

Sanità viterbese. Nel suo intervento a Quinta Colonna su Rete 4 ha dipinto la realtà viterbese come una specie di “Corleone”. Sette direttori generali in sette anni e un fascio d’inchieste per i più svariati reati. Ma davvero la situazione è così pessima?

“Ho dipinto la città per quello che è. Probabilmente noi viterbesi ce lo dimentichiamo troppo spesso. Io nel 2013, unico tra tutti i candidati a sindaco, sono andato davanti alla Cittadella della Salute con un palchetto con la mia lista a fare un comizio dicendo che la sanità era gestita come era gestita. Tutti ti danno ragione in privato poi in pubblico vanno giù a correre alle primarie. Questo è il settore della sanità qua a Viterbo, dove se sei primario improvvisamente ti scatta l’amore per la gente e ti candidi”.

Cosa pensa della riflessione recente di Fioroni che politica e sanità devono rimanere separate?

“E’ stata detta da un profondo conoscitore della materia. Penso che per esserne sicuri della bontà della cosa dovremmo chiedere tutti al dottor Aloisio per sapere quello che ne pensa. Non ci prendiamo in giro. La politica ha intriso la sanità e ha portato i medici a schierarsi in ogni elezione, ultima compresa”.

E’ così da tutte le parti, no?

“Ci mancherebbe, con il centrodestra e con il centrosinistra. Anche se ricordo che gli ultimi 4 direttori generali sono stati scelti dalla sinistra qui. Il centrodestra di fatto è rimasto fuori”.

Non toccate palla da un bel po’. Avete lo stesso “vizietto” ma non praticate?

“Ricordo a me stesso le inchieste che in questi anni hanno interessato la sanità viterbese. Parlo di inchieste e non di colpevoli. Si va dalla turbativa d’asta al falso in atto pubblico, corruzione, concussione, finanziamento illecito ai partiti, abuso d’ufficio. Questi sono i reati per cui sono stati inquisiti e indagati alcuni direttori generali. Per carità non tutti. Negli ultimi sette anni ne abbiamo avuti sette”.

Banner
Banner
Banner