Saline di Tarquinia, un concorso per proteggerle

Saline di Tarquinia, un concorso per proteggerle

Il 2018 sarà sicuramente un anno molto importante per le Saline di Tarquinia che necessitano ancora di interventi di manutenzione ormai diventati assolutamente urgenti.

ADimensione Font+- Stampa

Il 2018 sarà sicuramente un anno molto importante per le Saline di Tarquinia che necessitano ancora di interventi di manutenzione ormai diventati assolutamente urgenti.

Il gruppo di “Tarquinia nel cuore” lavora alacremente affinché questo luogo venga protetto come una vera oasi naturale. Come annunciato dall’Agenzia del Demanio al gruppo tarquiniese, con l’istituto del federalismo culturale, la proprietà sarà trasferita al Comune di Tarquinia, passando però prima dalla riscossione di quelle definite dal direttore Roberto Reggi come “indennità di occupazione pregresse dagli utilizzatori”.

E’ anche previsto l’inserimento del compendio nel progetto “Fari ed Edifici Costieri”, per “consentirne il recupero grazie a progetti imprenditoriali innovativi e sostenibili. Nonostante l’attenzione di questi cittadini, la burocrazia e le lungaggini amministrative non hanno aiutato le Saline che versano ancora in condizioni critiche: l’ex Fabbrica del Sale ha tutt’ora il tetto pericolante sotto il completo controllo dei piccioni che hanno danneggiato e sporcato tutta l’area, una coltre di vetri rotti ricopre le strade.

Per arginare questa situazione almeno in parte, l’Agenzia del Demanio ha lanciato un concorso intitolato#FermoImmobile con scadenza il 3 Maggio. In palio € 1000 per chi scatterà la foto più bella alla suggestiva oasi delle Saline tarquiniesi. Tutte le istruzioni possono essere reperite sul sito www.agenziademanio.it