Sabato la manifestazione di Vita Autonoma: l’11 scadono i termini per riattivare l’assegno

Sabato la manifestazione di Vita Autonoma: l’11 scadono i termini per riattivare l’assegno

Manifestazione e conferenza stampa: Vita Autonoma scende in piazza, in arrivo anche sostegni da Roma e una collaborazione con l’Aforsat.

ADimensione Font+- Stampa

Manifestazione e conferenza stampa: Vita Autonoma scende in piazza, in arrivo anche sostegni da Roma e una collaborazione con l’Aforsat. A pochi giorni dall’effettiva entrata in vigore del collegato regionale al bilancio (lunedì 11 ottobre), l’associazione che raccoglie le persone uscite tra gli anni 70 e 80 da Villa Immacolata facendo risparmiare decine di milioni di euro alla Regione in cambio di un assegno che all’ultimo raggiungeva circa 700€ al mese. Venticinque persone, delle ventisei rimaste senza assegno da maggio, saranno in piazza della Repubblica dalle 17 per manifestare anche nei confronti del Comune di Viterbo colpevole di non aver mosso un dito e di non aver alzato la voce verso la Regione per difendere i propri cittadini.

L’iniziativa di Daniele Sabatini in Consiglio regionale ha portato l’11 agosto scorso la Regione ad approvare l’istituzione di un fondo che permettesse di sostenere chi, come le persone di Vita Autonoma, di riottenere un sostegno. Da allora però sono passati quasi 60 giorni, proprio il limite entro il quale la Regione avrebbe dovuto stilare un regolamento per permettere l’accesso al fondo.

I 25 disabili al 100% aspettano quindi un segnale, anche dal Comune di Viterbo che si è nascosto dietro al fatto che non fosse propria competenza diretta. La manifestazione è prevista per sabato alle 17, probabilmente in piazza della Repubblica. Manifestazione alla quale potrebbero partecipare anche altre associazioni di disabili oltre all’Aforsat, l’associazione che riunisce le famiglie delle Rsa, che potrebbe essere presente. Tutti insieme per spronare il Comune a dar risposte a chi sta in difficoltà.

Banner
Banner
Banner