Sabatini: “Dalla Regione altri tagli al sociale, è ora di dire basta”

Sabatini: “Dalla Regione altri tagli al sociale, è ora di dire basta”

Il capogruppo di Ncd alla Regione si scaglia contro l'assessore Visini che "difende scellerate scelte di bilancio, penalizzando le politiche socio-assistenziali"

ADimensione Font+- Stampa

Non ci sta, Daniele Sabatini, capogruppo viterbese di Ncd alla Regione Lazio, a ulteriori tagli al sociale da parte della Pisana e si scaglia direttamente contro l’amministrazione del Pd. “Con la finanziaria 2016 la Giunta Zingaretti taglia i fondi regionali per il sociale ed è scandaloso che l’assessore Visini difenda scellerate scelte di bilancio che penalizzano le politiche socio-assistenziali, accettando l’ennesimo colpo di scure e giustificandosi che tanto arriveranno finanziamenti sbloccati dallo Stato”.

“Un assessore serio – aggiunge Sabatini – avrebbe dovuto battere i pugni, essere protagonista all’interno della Giunta imponendosi a tutela delle politiche socio-assistenziali e delle fasce più fragili della popolazione invece di piegarsi a questa ennesima e indecente riduzione dei fondi regionali, facilmente rintracciabile tra i finanziamenti del bilancio libero. L’assessore non tenti di fare il gioco delle tre carte, ancora una volta non si dimostra all’altezza dei bisogni delle categorie più deboli. Non è bastata la vergognosa partita sulle Rsa, penalizzate da forti tagli che hanno messo in ginocchio un intero sistema costringendo tante famiglie a sostenere spese esose e, in molti casi, a portare via i propri cari dalle strutture”.

“L’assessore Visini non può limitarsi a fare il mero burocrate, dovrebbe avere più a cuore le politiche sociali del Lazio e soprattutto le persone che confidano in un sostegno concreto da parte della Regione. Se non ne è capace, meglio che si dimetta. Noi non ci diamo per vinti, quello in commissione bilancio è solo il primo round – conclude il capogruppo- continueremo a combattere su questi temi fino all’approvazione del provvedimento in aula, anche con nostre proposte emendative che vorremmo condividere con i consiglieri del territorio”.