Le notizie da Viterbo e dalla Tuscia

Viterbo che fu

Lo Strolico del mese: “Si c’hàe ‘n cioccàccio, méttolo là pe’ marzo”

Lo Strolico del mese: “Si c’hàe ‘n cioccàccio, méttolo là pe’ marzo”


Il proverbio consiglia di essere prudenti perché malgrado il clima primaverile, sottolineato dalla fioritura di alcune piante anche in anticipo, il freddo può farsi ancora sentire.

Viterbo che fu\ Cannelòra cannelòra dall’inverno semo fòra ma si piove e tira vento..

Viterbo che fu\ Cannelòra cannelòra dall’inverno semo fòra ma si piove e tira vento..


Cannelòra cannelòra dall'inverno semo fòra ma si piove e tira vento dall'inverno semo drento, arespóse 'na vecchiaccia: "Faccia o nun faccia c'adè l'inverno finènt'a Pasqua!", arespóse 'l vecchio Saturno: "C'adè l'inverno finènte giugno, pòe si tira 'n ventarèllo quaranta giorne dill'inferno!".

Viterbo che fu\  Dio ce lìbbere dal gran gelo dil mese de febbràro

Viterbo che fu\ Dio ce lìbbere dal gran gelo dil mese de febbràro


Il proverbio vuole avvertire che se il mese di gennaio sarà soleggiato, quasi primaverile, potrebbe seguire un febbraio molto freddo

Viterbo che fu\ “Pi Santantògno, ‘n passo de bòo”

Viterbo che fu\ “Pi Santantògno, ‘n passo de bòo”

La cultura contadina e popolare ha da sempre adottato come termine di paragone, per valutare l'allungarsi o l'accorciarsi del giorno, l'andatura lenta o veloce di alcuni animali del mondo rurale

Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Viterbo che fu\ 
Annàmo fòr de pòrta Fàulle a magna’ le caccavèlle a quattr’a quattro?


Torna "La Voce de Meco de Mescùja" di Gianluca Braconcini, che spiega questa frase. Annàmo (Ce vènghe) fòr de pòrta Fàulle a magna' le caccavèlle a quattr'a quattro?

Viterbo che fu\ “La Befana liscia liscia, scégne giù e fa la piscia…”

Viterbo che fu\ “La Befana liscia liscia, scégne giù e fa la piscia…”

Ecco una vecchia filastrocca popolare viterbese che veniva recitata "ma le fìje ciùche" in occasione della festa della Befana: "La Befana liscia liscia, scégne giù e fa la piscia e s' abbàgna la sottàna, viva viva la Befana".

Viterbo che fu\ L’inverno adè longo e ‘l maiale adè curto

Viterbo che fu\ L’inverno adè longo e ‘l maiale adè curto

Gianluca Braconcini ci parla dell'inverno e del proverbio sul maiale "invernale".

Viterbo che fu\ Guarda ògge chi tempo fa, tutto l’anno cuntinuarà

Viterbo che fu\ Guarda ògge chi tempo fa, tutto l’anno cuntinuarà

Chi questo "Stròlico": Guarda ògge chi tempo fa, tutto l’anno cuntinuarà? Ve lo spiega Gianluca Braconcini

Viterbo che fu \ Dalla Roma Imperiale, ecco la storia del Pangiallo

Viterbo che fu \ Dalla Roma Imperiale, ecco la storia del Pangiallo

Oltre al panettone, pandoro e torroni di varia "foggia", a produzione industriale, ci sono prodotti tipici di ogni città e regione, quelli fatti in casa, il cui profumo rievoca in modo intenso e piacevole il ricordo del Natale "de quanno s' adèra ciùche". Nella tradizione viterbese troviamo il Pangiallo, la cui origine risale addirittura alla Roma Imperiale

Ultimi Commenti

Stefania Maraldi
February 22, 2018 Stefania Maraldi

Belle Immagini! [...]

guarda articolo
Luigi Tozzi
February 22, 2018 Luigi Tozzi

Veramente non si capisce proprio come il buon Dio abbia necessità di dettare un libro [...]

guarda articolo
Elena Buffone
February 21, 2018 Elena Buffone

Tovaglia in foto dell'azienda di design tessile MUSKA (www.muskadecor.com) ⭐ [...]

guarda articolo
Roberto Re
February 19, 2018 Roberto Re

incredibile [...]

guarda articolo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031