Le notizie da Viterbo e dalla Tuscia

Il Sestante

Le chiacchierate del Sestante – Centro storico, Melissa Mongiardo (PD): “Ripartire dall’inclusione sociale”

Le chiacchierate del Sestante – Centro storico, Melissa Mongiardo (PD): “Ripartire dall’inclusione sociale”


Continua la discussione aperta da La Fune sul centro storico, attraverso una "Chiacchierata del Sestante" con il consigliere comunale Melissa Mongiardo.

Le chiacchierate del Sestante – Un viterbese inventa il gioco di Mafia Capitale

Le chiacchierate del Sestante – Un viterbese inventa il gioco di Mafia Capitale


“Caput mundi”, questo il nome del gioco, è infatti anche un invito a riflettere dal punto di vista storico e sociologico sulla Roma del malaffare politico-criminale, quello che il grande pubblico ha cominciato a conoscere con Romanzo Criminale e il processo di Mafia Capitale.

Il Sestante – Una riflessione e un paio di domande per De Dominicis sui vaccini: il M5S-Viterbo chiarirà la sua posizione?

Il Sestante – Una riflessione e un paio di domande per De Dominicis sui vaccini: il M5S-Viterbo chiarirà la sua posizione?


Tutto questo mi conduce a porre alcune domande al consigliere De Domincis. Domande che avevo già avanzato sulla sua pagina Facebook ma alle quali avrà dimenticato di rispondere.

Il Sestante – Dove va la politica italiana?

Il Sestante – Dove va la politica italiana?

Alle soglie della recente tornata per le amministrative, Ilvo Diammanti su Repubblica ricordava che in Italia “tutte le elezioni” hanno significato "politico nazionale" e che il voto negli oltre 1000 comuni italiani avrebbe rappresentato il più importante test per le forze politiche dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre scorso.

Il Sestante – Le ingenuità e i pericoli della “sindrome” del complotto

Il Sestante – Le ingenuità e i pericoli della “sindrome” del complotto

Qualche anno fa Umberto Eco scrisse che una delle cifre del nostro tempo, ma a ben vedere di ogni tempo, fosse l' “ossessione” o “sindrome” per la cospirazione, specie quella “fasulla” incarnata da “complotti talora cosmici”.

Il Sestante – “Piccolo omaggio ai “giocattoli”… perché a volte non c’è niente di più essenziale dell’inessenziale”

Il Sestante – “Piccolo omaggio ai “giocattoli”… perché a volte non c’è niente di più essenziale dell’inessenziale”

Nelle scorse settimane mi è piaciuto parlare soprattutto di attualità, ma questo martedì vorrei fare insieme a voi un'esperienza di segno diverso: quella di tuffarci in un mondo senza tempo, materiale eppure per certi versi irreale, che tutti abbiamo esplorato in una stagione ormai remota. Mi riferisco all'universo immaginifico dei "giocattoli", questi oggetti così apparentemente banali e infantili che, pure, sono stati via via considerati essenziali per la crescita di ciascuno di noi (e penso sia a grandi pedagogisti che a personaggi letterari come il nonno del piccolo lord, quell'arcigno Conte di Dorincourt secondo cui i giochi erano importanti perché volti a preparare "un ragazzo per quel grande gioco che è la vita").

Il Sestante – Perché dobbiamo difendere la legge sulla Rete dei Cammini della Regione Lazio.

Il Sestante – Perché dobbiamo difendere la legge sulla Rete dei Cammini della Regione Lazio.

Oggi voglio raccontarvi una storia che parte da lontano, nientemeno che dall'Antica Roma, per poi passare al Medioevo e, infine, giungere fino a noi, in particolare, grazie a una legge recentemente approvata dalla Regione Lazio.

Il Sestante – L’Europa dopo le elezioni francesi: che cosa si nasconde dietro sovranismo e tecnocrazia? Un interrogativo che ci riguarda da vicino.

Il Sestante – L’Europa dopo le elezioni francesi: che cosa si nasconde dietro sovranismo e tecnocrazia? Un interrogativo che ci riguarda da vicino.

Si è chiuso domenica il ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi che, mai come in passato, ha catalizzato l'attenzione internazionale perché stavolta in gioco non c'era solo il futuro politico della Francia ma anche quello dell'Europa.

Il Sestante – Il 25 aprile, la democrazia e le ferite di un Paese

Il Sestante – Il 25 aprile, la democrazia e le ferite di un Paese

E poi, dopo tutto questo tempo, dovremmo aver capito che quei partigiani che si sono sacrificati per noi, evidentemente, lo hanno fatto proprio perché la Costituzione possa essere accettata da tutti per la sua intrinseca bontà, e mai più scritta con il sangue.

Ultimi Commenti

Stefania Maraldi
February 22, 2018 Stefania Maraldi

Belle Immagini! [...]

guarda articolo
Luigi Tozzi
February 22, 2018 Luigi Tozzi

Veramente non si capisce proprio come il buon Dio abbia necessità di dettare un libro [...]

guarda articolo
Elena Buffone
February 21, 2018 Elena Buffone

Tovaglia in foto dell'azienda di design tessile MUSKA (www.muskadecor.com) ⭐ [...]

guarda articolo
Roberto Re
February 19, 2018 Roberto Re

incredibile [...]

guarda articolo
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031