“Rivaluto metodo Renzi e ricordo responsabilità che i sindacati hanno avuto nella storia del Paese”

“Rivaluto metodo Renzi e ricordo responsabilità che i sindacati hanno avuto nella storia del Paese”

Cgil, Cisl, Uil e Fabi attaccano Luisa Ciambella, che risponde per le rime. Il clima è teso tra i sindacati dei lavoratori nei servizi l’assessore al bilancio del comune di Viterbo: il tema è quello di Esattorie Spa, ma non solo.

ADimensione Font+- Stampa

Cgil, Cisl, Uil e Fabi attaccano Luisa Ciambella, che risponde per le rime. Il clima è teso tra i sindacati dei lavoratori nei servizi l’assessore al bilancio del comune di Viterbo: il tema è quello di Esattorie Spa, ma non solo. Nella discussione finisce anche il buco di 1,4 milioni di Euro nel bilancio comunale dovuto a minori introiti di Imu e anche per la diminuzione degli “incassi previsti dalle multe”. “L’assessora al Bilancio, dott.ssa Ciambella, vero dominus (o meglio domina) dell’Amministrazione, parla di situazione critica dei conti ma non a rischio. Se la fonte per cui non siamo a rischio è la stessa che ha prodotto e fatto approvare lo scorso bilancio di previsione, c’è poco da stare tranquilli a proposito di assenza di rischi. Le scelte non sono solo tecniche ma politiche e i conti critici del nostro Bilancio non possono essere figli del caso, della sfortuna o solo del taglio dei finanziamenti locali”.

I sindacati poi si aggiungono al coro del “ve l’avevamo detto” alzato da Giulio Marini e Gianmaria Santucci. “Avevamo anche denunciato pubblicamente – hanno scritto i sindacati – che il bilancio di previsione dell’anno scorso era fondato su entrate che non avrebbero trovato riscontro con la realtà”. I sindacati poi tornano sul ruolo centrale che avrebbero avuto i lavoratori di Esattorie e attaccano la scelta di affidarsi a Equitalia. “Per questo abbiamo sempre pensato che l’operato dei lavoratori di Esattorie era essenziale per far quadrare i conti. Infatti la scelta di affidarsi ad Equitalia è stata decisamente infelice”.

Se è duro l’attacco, la risposta di Luisa Ciambella non è da meno. “La presa di posizione strumentale di alcuni sindacati è incomprensibile e irrispettosa, soprattutto nei confronti dei lavoratori”. Poi l’affondo sul ruolo dei sindacati. “Devo dire che in questi casi, in cui il sindacato dà il meglio di sé, rivaluto i metodi Renzi e ricordo a me stessa e alla mia generazione le notevoli responsabilità che questi hanno avuto nel determinare la storia del nostro Paese”.

Nel merito Luisa Ciambella poi risponde. “Si vorrebbe far passare una lettura della situazione deviata in cui il Comune avrebbe dovuto mazzolare ulteriormente il contribuente e per farlo avrebbe dovuto assumere altri esattori delle tasse. Beh, chiederei maggiore serietà. Il Comune di Viterbo ha prodotto tutti gli atti e le ingiunzioni di pagamento nel rispetto delle norme, con l’impegno di tenere l’aliquota Imu tra le più basse d’Italia. Le rappresentanze sindacali, per il ruolo che svolgono, dovrebbero conoscere le dinamiche sociali e la congiuntura che stiamo vivendo. Le famiglie e le persone sono esasperate e non hanno più liquidità”.