Ripubblicizzazione dell’acqua, in Consiglio Regionale qualcosa si muove

Ripubblicizzazione dell’acqua, in Consiglio Regionale qualcosa si muove

Novità all'orizzonte sul fronte della gestione dell'acqua? "Le affermazioni del Presidente Zingaretti della scorsa settimana, in occasione della manifestazione di comuni nella valle dell’Aniene , riguardo la volontà di procedere alla attuazione della legge 5 del 2014, che ha per oggetto la ripubblicizzazione del servizio idrico e in particolare la definizione degli ambiti di bacino idrografici nel Lazio, troveranno una prima verifica oggi 22 novembre alle ore 10.oo, nel corso del Consiglio Regionale alla Pisana". Così il Comitato Non ce la Beviamo.

ADimensione Font+- Stampa

Novità all’orizzonte sul fronte della gestione dell’acqua? “Le affermazioni del Presidente Zingaretti della scorsa settimana, in occasione della manifestazione di comuni nella valle dell’Aniene , riguardo la volontà di procedere alla attuazione della legge 5 del 2014, che ha per oggetto la ripubblicizzazione del servizio idrico e in particolare la definizione degli ambiti di bacino idrografici nel Lazio, troveranno una prima verifica oggi 22 novembre alle ore 10.oo, nel corso del Consiglio Regionale alla Pisana”. Così il Comitato Non ce la Beviamo.

“L’impegno preso nei confronti dei sindaci della provincia di Latina, oltre che con i Comitati popolari che hanno proposto la legge, ridefinirà anche nel Viterbese le modalità della gestione idrica dando risposta anche a quei comuni, che, giustamente, non sono confluiti in Talete e alla popolazione da sempre critica nei confronti di una gestione fallimentare di tipo privatistico – continua il Comitato -“.

Il comitato “Non ce la beviamo” da sempre organizzatore di iniziative e sostenitore della legge in questione sarà in prima fila per rivendicare una gestione veramente pubblica e partecipata dai cittadini.