Rimpasto, Quintarelli: “Prima il bilancio e l’incontro con il sindaco, per evitare dissapori”

Rimpasto, Quintarelli: “Prima il bilancio e l’incontro con il sindaco, per evitare dissapori”

Per avere una conferma sulle linee programmatiche però servirà anche l’incontro con il sindaco Leonardo Michelini. “Dobbiamo ancora vederci, non so - conclude - quando l’incontro avverrà”

ADimensione Font+- Stampa

Rifiuti, terme, asilo nido e anche il rimpasto. Oltre al completamento della raccolta dei rifiuti porta a porta, il rilancio del termalismo, la copertura dell’Urcionio fuori Valle Faul, la riqualificazione delle Fortezze e la messa a regime dell’asilo di santa Barbara, ci sarebbe anche una nuova configurazione della giunta. Almeno così sembrerebbero volere parte del Partito Democratico (i fioroniani insieme a parte degli ex dissidenti) e i MoRi.

A confermarlo è il capogruppo del Partito Democratico, ed ex dissidente, Mario Quintarelli. “Si vedrà – dice – ma solo dopo il bilancio, per evitare di creare dissapori prima dell’approvazione del preventivo 2016”. L’idea non sarebbe del Pd, ma dei Moderati e Riformisti come confermato dal consigliere, a mezza bocca. “Sì lo vogliono, ma non siamo entrati nel merito ed è meglio parlarne dopo il bilancio e comunque manca l’incontro con il sindaco”.

Non risponde più di così, perché, dice Quintarelli, di più non se ne è parlato perché la priorità va al bilancio. “Abbiamo concordato – spiega in merito alla riunione tra delegati dei due blocchi di maggioranza – i punti per andare avanti e sui quali discutere con il sindaco Michelini. Per citarne alcuni: il completamento della raccolta dei rifiuti porta a porta e la chiusura delle isole di prossimità, il rilancio del termalismo, la copertura dell’Urcionio fuori Valle Faul, la riqualificazione delle Fortezze e la messa a regime dell’asilo di santa Barbara fino a 60 posti, più alcuni per l’ex Omni e il centro storico”.

Per avere una conferma sulle linee programmatiche però servirà anche l’incontro con il sindaco Leonardo Michelini. “Dobbiamo ancora vederci, non so – conclude – quando l’incontro avverrà”.

Decarta racconta la Tuscia