Rifiuti volanti a Castel d’Asso; eternit e scarti gettati giù da trenta metri

Rifiuti volanti a Castel d’Asso; eternit e scarti gettati giù da trenta metri

Succede a Castel d'Asso. Eternit, pezzi di pavimentazione, plastiche, contenitori di prodotti per l'edilizia. Tutto gettato dall'alto nella valle.

ADimensione Font+- Stampa

Arrivano in aperta campagna, dove si coltivano broccoli e altro, scaricano il contenuto dei cassoni dei loro furgoncini, lo lasciano volare per una trentina di metri e se ne vanno indisturbati.

Succede a Castel d’Asso. Eternit, pezzi di pavimentazione, plastiche, contenitori di prodotti per l’edilizia. Tutto gettato dall’alto nella valle. Poco più già l’ingresso alla necropoli etrusca, con le sue bellissime tombe. Un luogo magnifico quanto dimenticato e non valorizzato. Tanto da poter diventare discarica a cielo aperto, anche di materiali pericolosi.

Alla base di tutto c’è la delinquenza di chi scarica i materiali in maniera illegale. Dall’altra le leggi troppo morbide nei confronti di chi commette questo tipo di reati e infine le difficoltà delle autorità competenti a controllare il territorio, specie se molto vasto.

La discarica nella valle di Castel d’Asso è però qualcosa di inaccettabile, che fa fermata e sanata. L’idea che possa esserci qualcuno pronto a lanciare per 30 metri lastre di eternit e altro materiale è da brividi. Si intervenga in qualche modo. Purtroppo sul territorio di Viterbo c’è bisogno davvero di uno “sceriffo” dell’ambiente.

Castel d'Asso 02

Decarta racconta la Tuscia