Rifiuti da Civitavecchia, Michelini e Mazzola dicono no

Rifiuti da Civitavecchia, Michelini e Mazzola dicono no

Fronte compatto tra Comune e Provincia sullo stop ai rifiuti di Civitavecchia nella discarica di Monterazzano, che attualmente accoglie gli scarti sia della provincia di Viterbo che di quella di Rieti.

ADimensione Font+- Stampa

Sull’ipotesi paventata di portare i rifiuti di Civitavecchia alla discarica di Monterazzano, il sindaco di Viterbo e il presidente della Provincia non sembrano essere molto entusiasti. Nonostante i rifiuti della città portuale passino già per Viterbo per il trattamento obbligatorio, il primo cittadino frena sulla possibilità di accogliere in discarica anche quelli che vengono da fuori provincia e si dice pronto a diffidare la Regione.

“Ritiriamo già altri rifiuti fuori Ato, non possiamo farci carico di tutti i comuni che sono vicini a noi”. Ha spiegato Michelini il suo rifiuto. “Non possiamo coontinuare a farci carico dei problemi degli altri – ha aggiunto – creandoci danni da soli. Serve una soluzione condivisa, nell’interesse di tutti”. Il primo cittadino, intanto, avrebbe iniziato una verifica sui rifiuti, per capire quanti vengono da Viterbo e quanti sono presi da fuori l’ambito territoriale.

Sulla questione, poi, è intervenuto anche il presidente della Provincia, Mauro Mazzola, anche lui contrario ad ospitare i rifiuti di Civitavecchia. “Ci siamo sentiti con Michelini – ha detto Mazzola – si è detto preoccupato. Qui c’è il rischio, se tutti conferiscono a Monterazzano, che la discarica fra otto mesi chiuda. Anche la dirigente Mara Ciambella mi ha contattato ed è preoccupata. Lunedì con tutta probabilità ci vedremo per fare il punto della situazione”.

La discarica di Monterazzano, infatti, attualmente non serve solo il viterbese ma anche la zona del reatino. Aggiungere altri rifiuti a quelli prodotti da due province del Lazio non farebbe che creare una situazione piuttosto pericolosa, che la discarica nostrana non sarebbe in grado di gestire. “Siamo disponibili a dare una mano – aggiunge Mazzola – ma se si tratta di situazioni temporanee”.

C’è inoltre da dire che il rapporto tra Mazzola, anche nella sua veste di sindaco di Tarquinia, e l’amministrazione pentastellata di Civitavecchia non è ai massimi storici. “Vogliono fare i professori a casa mia, poi a quanto pare sono loro ad avere problemi. Se sono così bravi come dicono, li risolvessero”.

Una situazione non certo semplice quella della discarica di Monterazzano, che attualmente accoglie i rifiuti della provincia di Viterbo e di Rieti. Ci sarà quindi da vedere se, accogliendo anche quelli di Civitavecchia, la capienza del sito potrà sostenere questo ulteriore carico di lavoro.