Ricordate: usare i botti questa sera è vietato quasi ovunque

Ricordate: usare i botti questa sera è vietato quasi ovunque

Il sindaco Michelini ha firmato da tempo l’ordinanza che vieta di “far esplodere fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili materiali pirotecnici in luoghi aperti al pubblico ed in vie, piazze ed aree pubbliche affollate, ovvero ove transitino o siano presenti i soggetti più fragili e gli animali, in particolare nelle aree a distanze inferiori a 200 m da ospedali, cliniche, luoghi di ricovero e cura, fatto salvo ove vi siano particolari autorizzazioni ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti”.

ADimensione Font+- Stampa

Il sindaco Michelini ha firmato da tempo l’ordinanza che vieta di “far esplodere fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili materiali pirotecnici in luoghi aperti al pubblico ed in vie, piazze ed aree pubbliche affollate, ovvero ove transitino o siano presenti i soggetti più fragili e gli animali, in particolare nelle aree a distanze inferiori a 200 m da ospedali, cliniche, luoghi di ricovero e cura, fatto salvo ove vi siano particolari autorizzazioni ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti”.

Potranno essere esplosi in zone isolate “ma comunque a debita distanza dai predetti soggetti fragili e dagli animali, evitando zone affollate per la presenza di feste, riunioni, spettacoli di ogni genere o altri motivi e tutte le aree nelle quali l’esplosione del prodotto pirico potrebbe ingenerare incendi. In ogni caso sarà vietato far esplodere detto materiale nell’ambito delle aree interessate dallo svolgimento della manifestazione “Caffeina Christmas Village”. È inoltre vietato condurre in qualsiasi momento animali d’affezione in luoghi dove vengano effettuati spettacoli pirotecnici autorizzati”.

La delegata al benessere degli animali, la consigliera Maria Rita De Alexandris, aggiunge ”Abbiamo tutti letto, proprio ieri, che il Tar del Lazio ha sospeso l’ordinanza del sindaco di Roma Virginia Raggi, con la quale si faceva divieto assoluto dell’utilizzo dei botti di capodanno. Questo mi spinge a pensare che non c’è bisogno di alcun divieto istituzionale, ma che siano sufficienti l’ intelligenza e la civiltà delle persone per ridimensionare un fenomeno che, se non si usa la prudenza e il buon senso, può diventare anche molto pericoloso. Auguro a tutti un felice anno nuovo e un capodanno scoppiettante solo di sana allegria, senza pericoli e senza botti #NOAIBOTTI”.